Anticorruzione

Canepa: "Buon risultato

ma servono altri passi avanti"

«Si può sempre fare di più. C’è la necessità di fare ancora passi avanti, ma bisogna anche ammettere che il meglio è nemico del bene. Va riconosciuto che la nuova legge anticorruzione è un buon risultato», Anna Canepa, sostituto procuratore della Direzione nazionale antimafia e segretario generale di Magistratura democratica, rilancia subito. Ma intanto incassa:
 «Ora c’è uno strumento più efficace per una strategia complessiva contro la criminalità».

Qual è il punto più qualificante di questo provvedimento?
«Per la mia esperienza, ottima l'incentivazione a chi collabora. Per scoprire reati così difficili è indispensabile il ruolo di chi si dissocia. Inutile nasconderlo: chi lo fa non è animato solo dal pentimento interiore o da, nobili motivi, ma anche dal suo personale tornaconto».

Che però consente di disarticolare reti di connivenze molto estese, come dimostra la sua esperienza di magistrato impegnato nelle inchieste contro la criminalità organizzata...

«Tutte le inchieste sulla criminalità lo dimostrano: questo è un meccanismo indispensabile per scardinare silenzi, collusioni ed omertà e per far emergere reati che sarebbero destinati a rimanere sommersi».

E qual è la cosa che la lascia più perplessa?
«L'aumento delle pene va bene. Ma io non sono mai stata convinta che alzandole all'infinito si ottenga un effetto dissuasivo. Rimango dell'opinione che la certezza della pena stessa sia un deterrente molto più efficace. Anche se aver alzato l'asticella consente l'utilizzo di strumenti processuali come le intercettazioni telefoniche e anche questo è un elemento sostanzialmente positivo».

Il premier Renzi ha spiegato che, in questo modo, viene di fatto vanificata la prescrizione in questo ambito di reati.
«Le pene sono state alzate per portare, come effetto di trascinamento, a un allungamento dei tempi della prescrizione. Ecco, io sarei stata più contenta se la riforma della prescrizione fosse stata affrontata, finalmente e una volta per tutte, in maniera complessiva. La proposta dei magistrati è sempre sul piatto: non deve più decorrere intervenuto il primo grado di giudizio».

C'è il ritorno del falso in bilancio...
«Anche questo è un tassello del mosaico estremamente positivo, dopo i provvedimenti del passato avevano portato a una sostanziale depenalizzazione di questo reato. Molto positivi anche i limiti di accesso al patteggiamento: aver previsto la restituzione del maltolto prima di poter accedere allo sconto di pena è una novità che va senza dubbio nel senso giusto».


(intervista pubblicata su La Stampa e Secolo XIX il 22 maggio 2015)

22 maggio 2015
Ultimi articoli
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore
Indagini e stampa

Calabria «smontata» dal processo mediatico

di Emilio Sirianni
Prudenza istituzionale e rispetto delle persone coinvolte, inclusi gli indagati, impongono sobrietà e cautela nelle dichiarazioni rese dai magistrati alla stampa
Genova, 34° Congresso Anm

“La nuova sfida di fedeltà alla Costituzione”

di Mariarosaria Guglielmi
Incondizionata fedeltà alla Carta fondamentale, rinnovata consapevolezza del ruolo costituzionale della giurisdizione e piena responsabilità professionale e culturale: queste le grandi sfide democratiche, che coinvolgono il futuro dell’Europa e dello Stato di diritto, sulle quali la Magistratura è chiamata ad impegnarsi collettivamente