Area Csm

Il nuovo Procuratore della Repubblica di Palermo

Questa sera Francesco Lo Voi è stato nominato Procuratore della Repubblica di  Palermo.

La votazione decisiva – la seconda -  ha avuto il seguente esito:
- Lo Voi 13 voti (consiglieri di Magistratura Indipendente, presidente Cassazione e procuratore generale, tutti i sette componenti laici escluso il vice-presidente);
- Lari 7 voti (consiglieri di Area);
- Lo Forte 5 voti (consiglieri di Unità per la Costituzione)

Nella prima votazione i laici Fanfani, Balducci Balduzzi e Zaccaria si sono astenuti.

Palermo ha, dunque, finalmente il nuovo procuratore.

La votazione è giunta a conclusione di un intenso dibattito.

Per quanto ci riguarda abbiamo ribadito la nostra convinzione che il profilo professionale più indicato per la Procura di Palermo fosse un magistrato con prolungata e attuale esperienza “sul campo”, con una sperimentata attitudine direttiva e/o semidirettiva nel territorio.

Pur apprezzando i profili professionali di tutti e tre i candidati, abbiamo ritenuto tali requisiti presenti in Sergio Lari e, in misura minore in Guido Lo Forte, entrambi procuratori della Repubblica e, in passato, aggiunti proprio a Palermo.

Franco Lo Voi, per quanto con curriculum ineccepibile, non ci sembrava la persona più adatta per varie ragioni (lontano dalle indagini da diciassette anni, mai ricoperto un incarico direttivo o semidirettivo).

Perché si comprenda il nostro sforzo per dare a Palermo il procuratore della Repubblica secondo noi più adeguato, raccogliendo l’invito di alcuni consiglieri laici ad una più ampia convergenza, e dimostrando di andare oltre ogni designazione di “bandiera”  abbiamo manifestato, prima della seconda votazione, la dichiarazione di voto che riportiamo senza ulteriori commenti:

“Il gruppo di Area ha manifestato e conferma la propria disponibilità a votare uno dei candidati tra i dott.ri Lari e Lo Forte, proprio nello spirito della ricerca di un'ampia condivisione sui candidati il cui profilo professionale riteniamo adatto alla nomina.

Abbiamo fatto il massimo sforzo possibile per superare l'indicazione di gruppo e lo confermiamo.

Apprezzando il senso istituzionale di chi si è astenuto per le ragioni illustrate dal consigliere Fanfani, chiediamo di indicare su quale dei due candidati (Lari o Lo Forte)  gli astenuti o i colleghi di Unità per la Costituzione ritengono di poter convergere per realizzare l'obiettivo prioritario di una nomina con ampia maggioranza.

Lo diciamo qui, in plenum, in segno di trasparenza, e sottolineo che con questo vogliamo dare una dimostrazione concreta di voler andare oltre la logica del gruppo su profili professionali che riteniamo indispensabili per il Procuratore di Palermo.

Questo nell'interesse dell'amministrazione della giustizia”

Siamo dispiaciuti che nessuno abbia raccolto il nostro invito.

Il  Consiglio Superiore della Magistratura ha deciso e, con il senso istituzionale che ha accompagnato anche la nostra partecipazione al dibattito, prendiamo atto della nomina e rivolgiamo un sincero augurio al nuovo procuratore di Palermo di riuscire a bene operare nell’interesse delle istituzioni.


i consiglieri di Area al CSM

Ercole Aprile
Antonello Ardituro
Lucio Aschettino
Nicola Clivio
Valerio Fracassi
Piergiorgio Morosini
Fabio Napoleone


GLI INTERVENTI:

20 dicembre 2014
Ultimi articoli
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)
In ricordo

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia