Candidatura per il Congresso

Md Lecce propone Giovanni Zaccaro

La sezione MD di Lecce, riunitasi in vista del prossimo congresso nazionale, dopo ampia discussione, ha convenuto sui seguenti punti:

·piena condivisione dei documenti congressuali ed in particolare della relazione del segretario nazionale;

·la scelta relativa ad AREA è irreversibile e va portata avanti in modo progressivo ma convinto senza rinunciare ai valori fondativi di MD;

·nella formazione e nella progressione in carriera deve essere valorizzato un modello di magistrato non burocrate ma pienamente consapevole del suo ruolo e delle ricadute nella società delle scelte adottate nell'interpretazione della legge;

·l'elaborazione culturale sui temi tradizionali di MD (carcere, lavoro, garanzie processuali per i soggetti deboli) non deve rimanere confinata nel dibattito interno alla magistratura ma deve essere diffusa il più possibile in tutte le articolazioni della società civile;

·fermo l'impegno politico che ogni magistrato è libero di svolgere deve essere evitata ogni strumentalizzazione della notorietà acquisita con l'esercizio della funzione giurisdizionale;

·candida al consiglio nazionale il collega della sezione di Bari Giovanni Zaccaro.

 

Il segretario

Francesco Aliffi

 

29 gennaio 2013
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)