Candidatura per il Congresso

Md Lecce propone Giovanni Zaccaro

La sezione MD di Lecce, riunitasi in vista del prossimo congresso nazionale, dopo ampia discussione, ha convenuto sui seguenti punti:

·piena condivisione dei documenti congressuali ed in particolare della relazione del segretario nazionale;

·la scelta relativa ad AREA è irreversibile e va portata avanti in modo progressivo ma convinto senza rinunciare ai valori fondativi di MD;

·nella formazione e nella progressione in carriera deve essere valorizzato un modello di magistrato non burocrate ma pienamente consapevole del suo ruolo e delle ricadute nella società delle scelte adottate nell'interpretazione della legge;

·l'elaborazione culturale sui temi tradizionali di MD (carcere, lavoro, garanzie processuali per i soggetti deboli) non deve rimanere confinata nel dibattito interno alla magistratura ma deve essere diffusa il più possibile in tutte le articolazioni della società civile;

·fermo l'impegno politico che ogni magistrato è libero di svolgere deve essere evitata ogni strumentalizzazione della notorietà acquisita con l'esercizio della funzione giurisdizionale;

·candida al consiglio nazionale il collega della sezione di Bari Giovanni Zaccaro.

 

Il segretario

Francesco Aliffi

 

29 gennaio 2013
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019