Candidatura per il Congresso

Md Lecce propone Giovanni Zaccaro

La sezione MD di Lecce, riunitasi in vista del prossimo congresso nazionale, dopo ampia discussione, ha convenuto sui seguenti punti:

·piena condivisione dei documenti congressuali ed in particolare della relazione del segretario nazionale;

·la scelta relativa ad AREA è irreversibile e va portata avanti in modo progressivo ma convinto senza rinunciare ai valori fondativi di MD;

·nella formazione e nella progressione in carriera deve essere valorizzato un modello di magistrato non burocrate ma pienamente consapevole del suo ruolo e delle ricadute nella società delle scelte adottate nell'interpretazione della legge;

·l'elaborazione culturale sui temi tradizionali di MD (carcere, lavoro, garanzie processuali per i soggetti deboli) non deve rimanere confinata nel dibattito interno alla magistratura ma deve essere diffusa il più possibile in tutte le articolazioni della società civile;

·fermo l'impegno politico che ogni magistrato è libero di svolgere deve essere evitata ogni strumentalizzazione della notorietà acquisita con l'esercizio della funzione giurisdizionale;

·candida al consiglio nazionale il collega della sezione di Bari Giovanni Zaccaro.

 

Il segretario

Francesco Aliffi

 

29 gennaio 2013
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore