Congresso 2013

Candidature per il Consiglio Nazionale

Le proposte delle sezioni

Le candidature pervenute finora dalle sezioni per il rinnovo del Consiglio Nazionale:


SEZIONE EMILIA ROMAGNA -  ANNA MORI

SEZIONE NAPOLI EGLE PILLA

SEZIONE PALERMO - DANIELA GALAZZI

SEZIONE ROMA - ANNA CANEPA, GIUSEPPE CASCINI E TIZIANA COCCOLUTO

SEZIONE REGGIO CALABRIA - BRUNO MUSCOLO

SEZIONE BARI -  GIOVANNI ZACCARO detto 'CICCIO'

SEZIONE LIGURIA - LUCIA VIGNALE

SEZIONE LECCE - GIOVANNI ZACCARO

SEZIONE MILANO -  ILIO MANNUCCI PACINI,LUCA PONIZ E PAOLA MARIA GANDOLFI

SEZIONE PIEMONTE E VALLE D'AOSTA - ELISABETTA CHINAGLIA, ROBERTO ARATA

SEZIONE CASSAZIONE - ELISABETTA CESQUI, CARLO DE CHIARA, LUIGI MARINI

SEZIONE SASSARI - RICCARDO DE VITO

Candidatura proposta da Lucio Aschettino - LUCA SEMERARO

Candidatura proposta da Claudio Castelli, Teresa Iodice e Giovanni Diotallevi - M.E.OGGERO                         

Candidatura proposta da A.Caputo, F.Caruso, M.Nardin, F.Pinto, C.Ponterio, L.Vignale - G.SANTALUCIA

23 gennaio 2013
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore