Ddl Corruzione

Canepa: "Solo un simbolo

Per combatterla serve altro"

Il ddl anticorruzione che il Senato si appresta a votare ''e' un piccolo passo di un percorso ancora tutto da fare per risollevare il paese dalle macerie.

Questo insieme di norme ha soprattutto un valore simbolico, il primo segnale di un'inversione di tendenza dopo anni in cui i vari governi sono andati in direzione opposta''. E' l'opinione di Anna Canepa, vicepresidente dell'Anm, intervistata dal quotidiano ''L'Unita'''.

L'Anm, dice, ''ha denunciato piu' volte i limiti della legge. Il piu' grave resta quello che non si e' voluto mettere mano a una disciplina organica di revisione della prescrizione. L'Europa ci aveva chiesto di rivedere anche quella''. Dopo gli scandali che hanno coinvolto le Regioni, secondo la vicepresidente dell'Anm rileva che ''ora e' molto peggio'' di Tangentopoli perché ''il malaffare non e' solo a livello di partiti ma di coscienze. Ci vuole un sussulto di responsabilità per salvare il paese. E la soluzione non puo' essere solo per via giudiziaria. Fu un errore allora. Non lo ripetiamo oggi''.


L'INTERVISTA INTEGRALE

17 ottobre 2012
Ultimi articoli
Intervista

“Nessuno si salva da solo...”

Stefano Musolino, membro dell’Esecutivo nazionale di Md: “la Grande Chambre della Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che l’ergastolo ostativo previsto dal nostro ordinamento penitenziario è contrario al principio della dignità umana e viola l'art. 3 della Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo”

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman

Dichiarazione di Medel sulle riforme del sistema giudiziario nella Repubblica di Moldavia

Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)