Fini-Giovanardi

L'illusione repressiva
(e le ipocrisie)

Dopo avere prodotto per anni leggi che accrescono la repressione penale di fenomeni e di criticità sociali, una parte consistente del mondo politico segue con partecipazione (e scarsezza di proposte) i richiami del Capo dello Stato che ci ricorda le scadenze del prossimo mese di maggio (effettività della sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'uomo) che ha condannato l'Italia per le disastrose condizioni carcerarie.

Nel frattempo sono passati anni dall'entrata in vigore della legge che aggravò il trattamento penale per le droghe "leggere" parificandolo a quello delle droghe "pesanti" e portando in carcere migliaia di piccoli spacciatori di hashish e marijuana ma anche coltivatori di canapa (e qui i giudici ci hanno messo del loro...).

Ancora una volta è toccato alla Corte costituzionale (e a chi l'ha sollecitata) intervenire per riportare un pò di razionalità nella materia. Al di là delle motivazioni che leggeremo, si apre la possibilità/necessità di ripensare le scelte infelici del legislatore del 2006 e provare a trovare soluzioni diverse.

La parola tornerà al legislatore, ma intanto i magistrati dovranno rimboccarsi le maniche per trovare le soluzioni interpretative di una disciplina che la sentenza della Consulta ha mutilato e per trattare con intelligenza processi e persone che ogni giorno vengono all'attenzione degli uffici giudiziari. Sperando che la congerie del momento politico non finisca per condurre a esiti diversi da quelli che razionalità vorrebbe.


Luigi Marini (presidente Magistratura democratica)

(12 febbraio 2014)

12 febbraio 2014
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)