Giudici di pace incontrano sottosegretario

Il comunicato del segretario di Unità democratica

ROMA - Pubblichiamo il comunicato stampa rilasciato dal segretario generale di Unità Democratica Giudici di Pace, Diego Loveri, sull'incontro avuto il 7 dicembre 2011 con il sottosegretario alla Giustizia, prof. Salvatore Mazzamuto (foto).

COMUNICATO STAMPA

Si è svolto il 7 dicembre 2011 l’annunciato incontro con il sottosegretario della Giustizia prof.Mazzamuto ed i rappresentanti delle Associazioni dei Giudici di Pace,dei Got,dei Vpo, ecc. .L’incontro e’ stato richiesto dalle varie Associazioni per l’urgenza della situazione della categoria che non ha ancora avuto una riforma organica. Per l’Unita’Democratica Giudici di Pace erano presenti  il Segretario Generale ( D.Loveri) ed il Vice Presidente ( G.Golotta).

E’ stato rappresentato l’intero quadro delle rivendicazioni e proposte della nostra Associazio ne oltre a quelle comuni con le altre Associazioni( continuità degli incarichi e previdenza). In particolare il segretario gen.le Loveri ha sottolineato gli aspetti relativi : 

1) alla riforma dello stato giuridico ed economico dei giudici di pace, introducendo l’incompatibilita’ assoluta con la professione forense della funzione onoraria, nonchè l’abolizione del cottimo, da sostituire con una indennita’ fissa al 90 per cento ed una incentivazione economica del 10 per cento, collegata all’impegno quantitativo, non solo delle prestazioni giudiziali ,ma anche della formazione ed aggiornamento dei singoli giudici di pace,;

2) alla   dovuta valutazione delle problematiche del lavoro femminile ,essendo le gdp donne occupate sia nella  complessa organizzazione familiare  ,che nell’assolvimento dei doveri dell’ufficio, ed essendo ormai in maggioranza tra tutti i gdp nati dal 1960 in poi,  mentre  i giudici
di pace  uomini nati dal 1937 al 1959 costituiscono la maggioranza assoluta rispetto alle donne e quindi è necessaria una tutela del lavoro femminile maggiore oggi, più degli anni precedenti, avendo assunto la componente femminile  una prevalenza numerica rispetto a quella maschile.;

3) alla  riapertura dei concorsi per la copertura dei posti vacanti dei gdp sulla base dell’anteriore ridisegno della geografia giudiziaria che va ristudiata
razionalmente ed attuata con urgenza per consentire l’accesso dei giovani alle funzioni dei gdp;

4) al coordinamento degli Uffici dei Giudici di Pace che dovrebbe essere affidato ai Presidenti dei Tribunali, o a giudici togati delegati dagli stessi,
perche’ possa esservi un legame interno con il Ministero della Giustizia e quindi con la tutela della categoria anche rispetto alla copertura degli organici del personale di cancelleria, attualmente carenti e con l’utilizzazione temporanea di centinaia di cassaintegrati; 

5) al rispetto della legislazione europea in materia di immigrazione relativamente alla competenza dei giudici di pace costretti ad assolvere un ruolo delicato riguardo ai trattenimenti ed alle espulsioni dei cittadini dei paesi terzi, mentre l’Italia continua a ricevere sanzioni economiche dalla Corte di giustizia Europea per violazione delle direttive europee proprio nel settore dei migranti dei paesi terzi;

6) alla proroga dei giudici di pace che immessi nel 1999 sono scaduti o sono in scadenza nel 2012.

Il sottosegretario prof. Mazzamuto, coadiuvato da due dirigenti ministeriali, uno per la continuità ed uno per la discontinuità con il precedente governo, ha
ascoltato le istanze dei presenti ed ha assicurato una proroga dei giudici onorari in scadenza anche se non ha potuto precisare se trimestrale o annuale.

IL SEGRETARIO GENERALE DI UDGDP

( D.LOVERI)

7 dicembre 2011
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore