Giunta Anm

Prescrizione e attenzione a giudici civile

Il comunicato dopo la riunione del 27 aprile
Riforma della prescrizione e attenzione "alle gravi condizioni di lavoro che vivono quotidianamente i giudici del settore civile". Sono queste le priorità indicate dalla Giunta dell'Associazione nazionale magistrati all'esito della riunione del 27 aprile, di cui pubblichiamo di seguito il comunicato finale.

"L’Associazione Nazionale Magistrati, in relazione al dibattito emerso negli ultimi giorni, nell’affermare il proprio ruolo collegiale di interlocutore istituzionale, ribadisce la necessità di intervenire sui temi della giustizia e rifiuta ogni tentativo di strumentalizzazione del proprio operato".

"Intende pertanto continuare a fornire contributi tecnici, mediante proposte concrete e di contenuto, ad ogni iniziativa legislativa che possa migliorare l’esercizio della giurisdizione, la tutela dei diritti, le condizioni di lavoro dei magistrati e, con esse, il servizio ai cittadini, compito esclusivo della magistratura.

L’ANM vigilerà in maniera rigorosa e determinata a tutela dell’autonomia e dell’indipendenza della magistratura, nello spirito di dialogo e collaborazione con le Istituzioni. Per questo, valuta positivamente le ultime dichiarazioni del Ministro della Giustizia aperte al confronto ed è pronta a discutere ogni proposta finalizzata a rendere più efficiente la giustizia.

A tal proposito, la Giunta Esecutiva Centrale evidenzia l’urgenza di riforme strutturali del settore civile e di quello penale e tra esse ritiene prioritari interventi organici finalizzati a combattere efficacemente la corruzione, che sempre più investe settori della Pubblica Amministrazione; ciò anche attraverso un’indifferibile e complessiva riforma dell’istituto della prescrizione, la quale non si esaurisca nell’adozione di norme che si limitino ad innalzare i termini per i diversi gradi di giudizio, misura che non impedirebbe comunque la vanificazione dell’azione giudiziaria.

La Giunta intende porre l’attenzione anche sulle gravi condizioni di lavoro che vivono quotidianamente i giudici del settore civile, costretti a gestire un contenzioso numericamente insostenibile, tra le difficoltà derivanti dall’insufficienza delle risorse materiali e del personale e dalle disfunzioni connesse all’introduzione del processo civile telematico".


(27 aprile 2016)
28 aprile 2016
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore