Il commento

La valutazione dei magistrati

di LUIGI MARINI

Ieri in Cassazione è stato presentato il libro di Lionello Mancini "L'onere della toga".

Nel suo intervento Michele Vietti ha espresso un concetto che la magistratura "progressista" (ricorro per semplicità di argomenti a questa espressione nonostante sia abusata e talvolta ambigua) ha avanzato da tempo:

la legittimazione costituzionale del magistrato che lo abilita a "fissare la legge" del caso concreto (e dunque a farsi in qualche modo legislatore) non sta certo nella investitura popolare o in una responsabilità politica (dimensioni a cui è estraneo, per fortuna) né nel superamento di un concorso, ma si rinviene nella sua "qualificazione professionale"; e questa comprende, come ha aggiunto Giorgio Santacroce, sia la preparazione tecnica sia la capacità di lavorare all'interno di un'organizzazione complessa sia "lo sforzo assiduo di capire la società e la sua evoluzione".

Non c'è, dunque, nessuna forma di presunzione in quei magistrati che non rifiutano di essere valutati e che accettano di confrontarsi con una valutazione equilibrata ma "vera". Si pongono così non perché pensano di essere migliori, ma perché capiscono che solo un sistema di valutazione effettivo potrà garantire la loro reale indipendenza; questa è messa in pericolo molto più dall'assenza di presidi di qualità e professionalità che dalle valutazioni "incrociate" o da un sistema di valutazione più aperto.


(14 marzo 2014)
14 marzo 2014
Ultimi articoli
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)
Rassegna

Osservatorio giustizia

Conversazione con Mariarosaria Guglielmi, segretaria di Magistratura democratica (Radio Radicale)
Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione
Carceri

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
Domina la cifra giustizialista della maggioranza. Eliminate le norme sulle misure alternative al carcere e per l'integrazione dei detenuti stranieri (Il Manifesto)