IL COMMENTO: Nuovo governo e giustizia

"Pronti a sostenere un progetto serio"

di Luigi Marini

Il Governo sta varando una manovra economica pesantissima che incide in primo luogo su coloro che non possono sottrarsi a tagli e imposte, così perpetuando una disparità di trattamento che ha radici antiche e che, salvo brevi parentesi, la classe politica non ha neppure tentato di affrontare.

Questo mi fa pensare ai milioni di miliardi di vecchie lire e poi ai corrispondenti importi in euro che nei decenni sono stati dilapidati da fenomeni corruttivi, da cattive gestioni funzionali alle posizioni di potere, da furti di cose pubbliche e sprechi intenzionali, ma fa pensare anche alle tante cattive gestioni che per cialtroneria, qualunquismo e logiche deteriori caratterizzano da sempre larghi strati dei settori produttivi, pubblici e privati.

Un Governo che promette maggiore equità e si impegna a imboccare una strada di gestione virtuosa non può, per quanto abbia un mandato a termine, mancare all’obbligo di dare segnali chiari su questi terreni.

Per queste ragioni ci attendiamo che la Ministra della giustizia sappia recuperare la credibilità delle strutture ministeriali dopo una stagione che consideriamo negativa, marcare una discontinuità rispetto a politiche fallimentari, segnare un recupero di immagine anche attraverso la scelta dei collaboratori più stretti, dare segnali chiari di abbandono di percorsi che hanno chiuso il Ministero nelle logiche peggiori della contrapposizione, del personalismo e della propaganda: si tratta di profili che ci attendiamo vengano rapidamente affrontati e costituiscano le premesse per un cambio di passo del dicastero che accompagni i progetti annunciati e li renda anche solo possibili.

Il contrasto all’evasione fiscale e alla corruzione presuppone che politica e amministrazione adoperino tutti gli strumenti necessari che conosciamo, ma richiede anche che la giurisdizione e la complessiva macchina della giustizia siano in grado di avviare indagini e celebrare processi destinati a giungere a termine in modo rapido e efficace, abbattendo il pericolo della prescrizione che ormai è diventata la risposta più frequente.

Lo sviluppo del Paese e la realizzazione di innovazioni positive richiedono che il Ministero della giustizia torni ad essere protagonista nei contesti internazionali e, soprattutto, in Europa, abbandonando le logiche devastanti degli ultimi anni che ci hanno posti ai margini dei percorsi decisionali e hanno ostacolato le misure interne di recepimento delle politiche europee.

Il funzionamento quotidiano degli uffici giudiziari, la semplificazione vera dei processi e la valorizzazione delle garanzie essenziali delle persone richiedono un percorso partecipato di modifiche normative, ordinamentali e processuali, che da anni proponiamo e che vorremmo vedere discusse senza ideologismi e chiusure corporative nell’interesse della collettività.

L’utilizzo intelligente delle poche risorse disponibili richiede l’abbandono di logiche di breve periodo e clientelari e uno sguardo coraggioso, sconfiggendo approcci burocratici e centri di potere che impediscono di agire liberamente e efficacemente.

Siamo ansiosi di capire quali priorità si darà la Ministro, con quali collaborazioni intenderà governarle e quale dialogo aprirà, finalmente, con i soggetti che concorrono a fare giustizia.

Se il progetto che verrà presentato in concreto sarà serio e camminerà su gambe serie troverà nella magistratura supporto leale e grande disponibilità al cambiamento. E qui mi fermo, contando che tanti anni di annunci e di politiche sbagliate siano alle nostre spalle.

8 dicembre 2011
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.