Il commento

Sulla chiusura degli OPG

Una ferita da rimarginare

di MARCELLO BORTOLATO

Oggi chiudono gli OPG.

Resta il problema che quasi metà delle regioni italiane non hanno ancora le REMS, nemmeno quelle provvisorie.

Tuttavia un ulteriore rinvio ( il terzo ) delle riforma era impensabile.

La sopravvivenza degli OPG era una ferita da rimarginare dopo che si è sperimentato che i luoghi che segregano non funzionano affatto quando si propongono di curare e di rieducare. Rimane il problema della sopravvivenza, anche dopo la trasformazione dei luoghi di cura e custodia in REMS, del “doppio binario”, di quel sistema cioè in cui la risposta al reato è di due tipi a seconda che il soggetto sia imputabile o non imputabile ( pena/misura di sicurezza ) e che presuppone il principio che chi delinque se è privo di capacità di intendere e di volere diventa oggetto di un giudizio di pericolosità e la sua pericolosità sociale è trattata in modo differente dall’ordinaria delinquenza. Il legislatore ha scelto la via riformista ( o ‘realista’), si è limitato allo stato dei luoghi dell’esecuzione delle misure di sicurezza e alle condizioni di vita degli internati ponendo fine alla palese violazione dei diritti costituzionali, modificandone i termini e modalità di permanenza, responsabilità della gestione, caratteristiche strutturali ed il nome. Tuttavia sappiamo bene che l’approccio massimalista avrebbe invece voluto sopprimere l’istituto della pericolosità sociale, abbandonare la categoria  della non imputabilità con la conseguente collocazione dei malati autori di reato in carcere dove comunque predisporre un idoneo sistema di terapia del disturbo mentale. Il problema degli OPG sta tutto qui: nell’alternativa alla loro esistenza perché se essi venissero meno la sorte naturale dell’internato sarebbe comunque il carcere e cioè un altro luogo concentrazionario e dunque un’altra istituzione avente specifica funzione di controllo sociale.

L’approccio riformista, pur con tutti i difetti e le criticità che già da domani dovremo affrontare – prima di tutto il problema dei luoghi dove ricoverare gli internati ‘provvisori’ ( soggetti perlopiù in fase di acuzia psichiatrica per i quali le REMS sono certamente luoghi inidonei ) e poi quali norme dell’ordinamento penitenziario applicare nelle REMS – resta preferibile purchè sia supportato dal concetto di ‘partecipazione’: tanto più il superamento degli OPG avrà successo quanto più  vi sarà l’adesione dal basso, delle amministrazioni locali, delle singole istituzioni e soprattutto della magistratura affinchè sia superato il rigido dualismo malato/sano, terapeuta/paziente, capace/incapace, pericoloso/inerme.

Diceva Calamandrei “la Costituzione è una polemica contro la realtà”.

Da oggi è sempre un po’ più vero.


(31 marzo 2015)

31 marzo 2015
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.