Il corsivo

Dalla Florida a Roma

Tampa non è così lontana

di Luigi Marini

Che cosa unisce Tampa (Florida) a Roma (Italia) ?

Me lo sono chiesto leggendo il libro intervista a Luciano Gallino curato da Paolo Borgna. La lettura del mondo sotto l’ottica di una lotta di classe dall’alto , ovvero della rivincita dei pochi ricchi contro i milioni e milioni di poveri e meno ricchi è argomentata a fondo. Una rivincita che in Occidente recupera le ricchezze e il potere decisionale che le lotte di classe dei decenni passati avevano in parte spostato in favore dello stato sociale e del potere d’acquisto delle “classi lavoratrici”.

A Tampa la “convention” repubblicana che apre le ultime settimane di campagna elettorale vede lo sfidante e il suo vice, un cattolico integralista che è assieme un liberista spietato, supportati, anzi guidati da 100  finanziatori potentissimi, che dopo gli abusi della finanza e la crisi mondiale che ne è seguita ancora pretendono meno Stato, meno (possibilmente zero) stato sociale, meno tasse per i  ricchi e  meno vincoli alle “corporations” e ai gruppi finanziari.

Nel nostro piccolo, a Roma, una parte delle forze politiche si oppone strenuamente alla riforma delle norme in materia di corruzione. Una riforma che tocca il nodo in cui si tengono i reati societari e finanziari, i crimini ambientali, l’evasione fiscale, lo sperpero delle risorse pubbliche a vantaggio di pochi, le carriere politiche e molto altro ancora. E questo dopo che i sistemi finanziario e bancario sono stati salvati dai loro errori e dalle loro perdite scaricandole sui risparmiatori e sul debito pubblico e proprio mentre l’economia criminale fa affari sempre più vantaggiosi e invade l’economia legale.

La lotta alla corruzione, da condurre sul piano amministrativo, penale e prima ancora culturale, è un passaggio fondamentale per tutelare i diritti sociali, l’ambiente in cui viviamo, i beni comuni, il funzionamento efficace e corretto delle  strutture pubbliche. Al contrario, limitare l’intervento penale, garantire a corrotti e corruttori una prescrizione breve, ridurre l’uso delle intercettazioni, tenere sotto scacco i magistrati sono obiettivi che fanno parte di una strategia in linea con la rivincita di una “classe” che continua a ricercare privilegi a scapito di coloro che onestamente lavorano e tengono in piedi questo Paese.

Tampa non è poi così lontana da noi e dal nostro futuro.

(29/08/2012)

29 agosto 2012
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)