Il corsivo

Dalla Florida a Roma

Tampa non è così lontana

di Luigi Marini

Che cosa unisce Tampa (Florida) a Roma (Italia) ?

Me lo sono chiesto leggendo il libro intervista a Luciano Gallino curato da Paolo Borgna. La lettura del mondo sotto l’ottica di una lotta di classe dall’alto , ovvero della rivincita dei pochi ricchi contro i milioni e milioni di poveri e meno ricchi è argomentata a fondo. Una rivincita che in Occidente recupera le ricchezze e il potere decisionale che le lotte di classe dei decenni passati avevano in parte spostato in favore dello stato sociale e del potere d’acquisto delle “classi lavoratrici”.

A Tampa la “convention” repubblicana che apre le ultime settimane di campagna elettorale vede lo sfidante e il suo vice, un cattolico integralista che è assieme un liberista spietato, supportati, anzi guidati da 100  finanziatori potentissimi, che dopo gli abusi della finanza e la crisi mondiale che ne è seguita ancora pretendono meno Stato, meno (possibilmente zero) stato sociale, meno tasse per i  ricchi e  meno vincoli alle “corporations” e ai gruppi finanziari.

Nel nostro piccolo, a Roma, una parte delle forze politiche si oppone strenuamente alla riforma delle norme in materia di corruzione. Una riforma che tocca il nodo in cui si tengono i reati societari e finanziari, i crimini ambientali, l’evasione fiscale, lo sperpero delle risorse pubbliche a vantaggio di pochi, le carriere politiche e molto altro ancora. E questo dopo che i sistemi finanziario e bancario sono stati salvati dai loro errori e dalle loro perdite scaricandole sui risparmiatori e sul debito pubblico e proprio mentre l’economia criminale fa affari sempre più vantaggiosi e invade l’economia legale.

La lotta alla corruzione, da condurre sul piano amministrativo, penale e prima ancora culturale, è un passaggio fondamentale per tutelare i diritti sociali, l’ambiente in cui viviamo, i beni comuni, il funzionamento efficace e corretto delle  strutture pubbliche. Al contrario, limitare l’intervento penale, garantire a corrotti e corruttori una prescrizione breve, ridurre l’uso delle intercettazioni, tenere sotto scacco i magistrati sono obiettivi che fanno parte di una strategia in linea con la rivincita di una “classe” che continua a ricercare privilegi a scapito di coloro che onestamente lavorano e tengono in piedi questo Paese.

Tampa non è poi così lontana da noi e dal nostro futuro.

(29/08/2012)

29 agosto 2012
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore