Il presidente "inaugura" il sito

"Coniugare storia Md con attualità"

ROMA -  Il bisogno di essere presenti e di "coniugare" la propria storia con l'attualità e con le esigenze di una magistratura moderna. Così Luigi Marini, presidente di Magistratura Democratica, spiega la nascita del nuovo sito della nostra associazione. Ci proponiamo, dice Marini, di "utilizzare le nuove tecnologie per veicolare i nostri contenuti e per rinnovare anche il nostro rapporto con gli utenti e gli interlocutori esterni".

Uno strumento multilivello, che consentirà, inoltre, secondo il presidente di Md, "un rapporto diretto con tutte le articolazioni del gruppo". L'obiettivo, continua Marini, è quello di "un dialogo vero con l'esterno, vogliamo costruire uno spazio dove le persone interessate ai nostri temi possano trovare delle risposte". Questa scelta, d'altronde si inserisce nella tradizione di un gruppo che per primo si è aperto alla società civile.

"Pensiamo", conclude Marini,  "che il nuovo sito possa rispondere al quelle stesse esigenze di apertura e di dialogo", e che sia utile per mettere a disposizione di tante persone un "patrimonio di conoscenze e un pensiero che si è sempre saputo rinnovare".

12 luglio 2011
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore