L'ANM: "E' una vendetta contro i giudici"

Convocato per martedì 7 alle 13 il CDC

RESPONSABILITA' TOGHE: ANM, E' UNA VENDETTA CONTRO I GIUDICI (AGI) - Roma, 2 feb. - Parlano di "una forma intimidatoria e di vendetta verso il libero esercizio della funzione di giudice", nonche' di "un ennesimo tentativo di risentimento e di ritorsione" nei confronti della magistratura. Cosi' Luca Palamara e Giuseppe Cascini, Presidente e segretario dell'Associazione nazionale magistrati, commentano l'ok della Camera all'emendamento sulla responsabilita' civile delle toghe.

Cascini: "Norma incostituzionale in coincidenza con processo non gradito". "E' una norma incostituzionale - rileva Cascini - in contrasto con i principi piu' volte affermati dalla Corte di Giustizia europea". Pensavamo che la stagione degli attacchi e delle aggressioni ai magistrati fosse superata - rileva Cascini - ma dobbiamo registrare ancora una volta che in coincidenza con lo svolgersi di un procedimento a Milano non gradito alla maggioranza parlamentare si approva una norma incostituzionale. Nessun Paese al mondo conosce forme di responsabilita' civile diretta del giudice". Secondo il segretario del sindacato delle toghe, "tale forma di azione rischia di condizionare l'indipendenza del giudice e la liberta' di decidere in autonomia. Ci auguriamo che questa disposizione venga cancellata dal Senato e che si ristabilisca un clima di confronto su questioni effettive che servono alla giustizia in Italia".

Martedì si riunisce il CDC. Il Presidente Palamara si dice "incredulo": l'emendamento approvato oggi e' "l'ennesimo tentativo di risentimento e ritorsione nei confronti dei magistrati, peraltro in un periodo in cui al Paese viene chiesto rigore, crescita, solidarieta' e legalita', che passano attraverso la necessita' di tutelare una fondamentale istituzione dello Stato qual e' la Magistratura e che purtroppo - conclude Palamara - oggi qualcuno ha dimenticato". "Convocheremo", ha aggiunto Palamara, "un Comitato direttivo centrale straordinario per martedi' prossimo per decidere sullo stato di agitazione e sullo sciopero".

L'appuntamento è per le ore 13. Al primo punto dell'ordine del giorno la discussione e le valutazioni in merito alle iniziative da intraprendere con riferimento all’approvazione dell’emendamento sulla responsabilità civile dei magistrati;

2 febbraio 2012
Ultimi articoli
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto