L'appello

Dalla parte
della Costituzione

Riceviamo e pubblichiamo:


Noi stiamo dalla parte dell’art. 3 della Costituzione: tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali senza distinzione di sesso….”

 

Esprimiamo profonda indignazione e grande preoccupazione per le offese volgari e sessiste ricevute nei giorni scorsi  da donne che rivestono cariche istituzionali, anche di massima importanza quali la Presidenza della Camera.

 

Il sessismo ha radici in odiosi pregiudizi e arcaici stereotipi, si fonda su logiche di controllo e sopraffazione affatto distanti dai fondamenti della nostra democrazia.

 

Chi ignora decenni di elaborazioni e battaglie  contro la violenza, le diseguaglianze e le discriminazioni ha scelto comunque da che parte stare.

 

Noi stiamo dalla parte opposta  perchè ci riconosciamo nell’art. 3 della Costituzione.

 

IInvitiamo i Comitati di pari opportunità del nostro sistema di autogoverno e dell’Associazione Nazionale Magistrati a mantenere alta l’attenzione sulle discriminazioni di genere.

Silvia Albano
Silvia Bonardi
Anna Canepa
Laura Cocucci
Monia Di Marco
Paola Di Nicola
Eliana Dolce
Donatella Donati
Mariella Esposito
Federica Gaudino
Carla Lendaro
Ezia Maccora
Raffaella Mascarino
Elisabetta Meyer
Donatella Nava
Morena Plazzi
Anna Ponsero
Elena Riva Crugnola
Silvia Russo
Ilaria Sanesi
Amina Simonetti
Lucia Trigilio
Rita Zaccarielo

HANNO ADERITO:

Il Comitato Pari Opportunità dell'Associazione Nazionale Magistrati

L'Associazione italiana donne magistrato (ADMI)

Ferdinando E. Pomarici

Lia Sava

Mimma Miele

Alfredo Guardiano

Ercole Aprile

Margherita Leone

Caterina Interlandi

Lucia Musti

Piergiorgio Morosini

Marco Panicucci

Armando Spataro

Fabio Napoleone

Alba Chiavassa

Tiziana Coccoluto

Valeria Piccone

Francesco Pelosi

Lucio Aschettino

Elisabetta Pierazzi

Giancarlo De Cataldo

Giuseppe Bronzini

Giovanna Ichino

Pasquale Liccardo

Silvia Milesi

Daniela Galazzi

Francesco Del Bene

Vittorio Angiolini

Mariella Fino

Maura Nardin (per la sezione di Magistratura democratica di Sassari)

Roberto Aniello

Orietta Miccichè

Antonio Laronga

Maria Eugenia Oggero

Giuseppe Bronzini

Adriana Piras

Giuseppina Barbara

Raffaele Frasca

Nicola Clivio

Albino Ambrosio

Nello Rossi

Sergio Lari

Giovanni Di Giorgio

Pino Valenti

Mario Spagnuolo

Valentino Lenoci

Mario Fresa

Giovanbattista Tona

Giuseppe Salmè

Paola Ghinoy

Alessandra Camassa

Carlo Brusco

Isabella Mariani

Vito D'Ambrosio

Mario Fresa

Tomasso Cottone

Simone Silvestri

Gabriele Mazzotta

Francesco Aliffi

Antonella Magaraggia

Teresa Liuni

Giovanni Diotallevi

Maria Teresa Spagnoletti

Leonardo Agueci

Giuseppe De Falco

Valerio Fracassi

Fiorella Pilato

Barbara Fabbrini

Stefania Castaldi

Antonella Di Florio

Ornella Galeotti

Alessandra Cataldi

Daniela Rinaldi

Claudio Gittardi

Alfonso Amatucci

Marcello Basilico

Giovanni Tedesco

Marco Guida

Domenico Santoro

Bruno Giangiacomo

Olindo Canali

Fabrizia Pironti

Franco De Stefano

Domenico Gozzo

Dino Petralia

Francesca Coccoli

Raffaella Calò

Mario Suriano

Ilaria Solombrino

Gianfranco Amendola

Giuseppe Airò

Giovanni Tamburino

Raffaele Malizia

Ilaria Cornetti

Olga Tarzia

Antonella Tenerani

Francesco Maisto

Luca Ceccanti

Marco Dell'Utri

Rocco Alfano

Diego Loveri per Unità democratica giudici di pace

Marcello Saladino

Nicoletta Quaglino

Paolo Ielo

Guglielmo Leo

Maria Cristina Amoroso

Luca Poniz

Marco Dinapoli

Annalisa Multari

Cristina Ornaro

Alcide Maritati

Francesco Petrucco Toffolo

Annalisa Multari

Sergio Malgeri

Antonio Valitutti

Mario Palazzi

Laura Pedio

Iolanda Daniela Chimenti

Francesco Novarese

Maria Patrizia Spina

Giulia Dossi

Marzia Minutillo Turtur

Paola Gandolfi

Gianluca Petragnani

Marcella Suma

Celestina Tinelli

Allegra Stracuzzi

Vincenzo Antonio Poso


(elenco aggiornato alle 13.00 del 6 febbraio)

4 febbraio 2014
Ultimi articoli
Intervento al comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 MAGGIO, GIORNO DI ALLERTA PER L'INDIPENDENZA DELLA GIUSTIZIA

Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda in questi giorni anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto, e condannato a di 10 anni in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede - Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Betta Cesqui
Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone
Coltivazione domestica

Canapa sul balcone: parole nette dalla Cassazione

di Riccardo De Vito
La sentenza delle Sezioni Unite ha le carte in regola per evitare un rigorismo repressivo che, sinora, ha ottenuto soltanto il risultato di allungare la catena dello spaccio. Ma adesso è indispensabile che il legislatore riprenda la parola per ridisegnare la disciplina delle droghe leggere