L'intervista

Legge liste pulite?

"Occasione mancata"

di LIANA MILELLA (DA REPUBBLICA DEL 14/01/2013)

La legge sulle liste pulite? «Un'occasione mancata». Gli inquisiti candidati? Un pugno alla questione morale. Anna Canepa vice presidente dell'Anm e pm della procura nazionale antimafia, non ha dubbi e spiega perché non dovrebbe correre alle elezioni chi è nei guai con la giustizia per reati gravi.

Il Pdl sta per rimettere in lista gli inquisiti. Che ne pensa?

«È una scelta che da un lato rispetta la legge sull'incandidabilità,dall'altro non rispetta i cittadini. La politica,per ridiventare credibile, deve farsi necessariannente carico della questione morale, che è cosa ben diversa dalle condanne penali. In una comunità fondata su determinati va lori non si sarebbe neppure dovuto discutere di una legge per escludere i condannati per reati gravi».

Costoro dovrebbero tenersi fuori dalla competizione?

«La presunzione di innocenza valeper tre gradi di giudizio, ma l'opportunità politica agisce su altri piani. Candidare inquisiti per reati gravi è una scelta che rientra nella discrezionalità politica, ma in un momentodi crisi della credibilità stessa della politica non aiutacerto a farle risalire la china».

Chi fa le liste sfrutta la legge appena approvata. È stato un grave errore licenziarla così?

«Sicuramente la legge sulle liste pulite non ha risolto il problema di garantire un Parlamento composto dapersone che non hanno avuto a che fare con la giustizia».

A chi dice che è anti-costituzionale stoppare la candidatura di chi non ha condanne definitive lei da magistrato cosa risponde?

«Più da cittadino che da pm dico che non è un problema di certificato penale, ma di qualità etica e moraledelle persone da cui vorrei essere rappresentata».

Perché un politico inquisito cerca disperatamente un posto?

«Mi auguro che chi entra in Parlamento non lo faccia solo per difendersi dai processi, ma per il bene del Paese».

E il caso di Berlusconi dove lo mette?

«Appunto».

14 gennaio 2013
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.