Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019

Ci allarmiamo spesso per gli sconfinamenti tra i diversi poteri, siamo più distratti quando si tratta di esaminare le degenerazioni che si producono dentro i singoli poteri. Quando scoppia una crisi all’interno di uno di essi rimaniamo spiazzati, spesso privi di adeguati strumenti d’analisi. È il caso della magistratura che è stata frequentemente oggetto di aggressione da parte del potere politico. In questi casi la difesa dell’indipendenza era la reazione naturale, oltre che costituzionalmente obbligata. Ma ora – nel momento in cui si scoprono i legami perversi tra alcuni politici e certi magistrati – le nostre parole risultano incerte, a volte sfuggenti.

Non penso si possa minimizzare il significato dei fatti emersi. Non intendo riferirmi alle responsabilità individuali, che verranno accertate dalla magistratura perugina, voglio invece interrogarmi sulle cause che hanno reso possibile tutto ciò.

OGGI MOLTI DENUNCIANO lo scontro corporativo tra le correnti organizzate della magistratura, altri ricordano il loro ruolo di garanzia del pluralismo associativo interno all’ordine giudiziario. Personalmente ritengo che bisognerebbe porre attenzione alla degenerazione di queste, passate da luoghi di confronto ideale tra diverse concezioni della giurisdizione a gruppi di potere. Non dico che i magistrati oggi si iscrivano alle diverse correnti solo per fare carriera, ma è vero che la distribuzione degli incarichi direttivi segue uno schema di ripartizione tra gruppi. E, in alcuni momenti, sembra essere questo il punto di caduta, che fa venir meno le buone ragioni dell’associazionismo. Sembrerebbe quasi che i motivi collettivi e ideali abbiano lasciato il posto agli interessi personali dei singoli. Può essere che questa sia una visione distorta, determinata dai fatti patologici cui assistiamo e che rischiano di non farci più cogliere le serie motivazioni dell’associazionismo, ma è anche vero che molto attenuata appare la cultura che ne era alla base.

BASTA PENSARE AL PASSATO quando il forte scontro tra le correnti era spesso all’origine di discriminazioni all’interno della stessa magistratura: gli “ermellini da guardia” contro i “pretori d’assalto” erano espressioni sin troppo agguerrite, ma che denunciavano una ben diversa concezione della giurisdizione. Ed era questa distanza che legittimava l’associazionismo e la necessità del vivace confronto. La storia di Magistratura Democratica nasce e si giustifica per questo, nel tentativo di far prevalere una certa visione del diritto, attenta alle garanzie e alla difesa dei più deboli, ponendo al centro la Costituzione come norma da applicare e far valere contro le arretratezze della legislazione ordinaria. Lo scontro fu forte, la battaglia nobile e senza secondi fini. Quanto è rimasto di quella cultura della giurisdizione?

SECONDO ALCUNI – I PIÙ OTTIMISTI – essa si è semplicemente diffusa, permeando ormai l’intero ordine della magistratura. Tutti convinti che il valore della costituzione non possa più essere contestato, almeno dai magistrati. sconfitti gli ermellini, ormai anche in cassazione siedono i giudici d’assalto. in fondo, a voler trarre le logiche – ma forse paradossali – conclusioni da questa prospettiva si potrebbe dire che magistratura democratica ha esaurito la sua spinta propulsiva perché ha vinto la sua storica battaglia. e ormai non rimane che amministrare il presente, gestendo al meglio il potere.

In quest’ottica la copertura dei posti dirigenziali non può che porsi al centro dell’attenzione. gli stessi criteri di selezione che devono indirizzare i membri eletti del csm diventano del tutto indeterminati. se nessuno –- neppure l’organo di autogoverno – osa sollevare il velo d’ipocrisia e far valere in modo trasparente le ragioni di una scelta, non ci si può poi stupire se la distribuzione avvenga in base all’affiliazione correntizia. se fossimo convinti che ormai tutti i magistrati sono eguali per cultura e distinti solo per funzioni potremmo tranquillamente accettare le proposte in circolazione: automatismi di carriera e riduzione del csm ad organo di sola amministrazione, composto da magistrati estratti a sorte. Tanto, uno vale uno.

DIVERSAMENTE POTREMMO pensare che la scelta dei vertici degli uffici giudiziari non abbia natura esclusivamente amministrativa, ma investa pienamente anche le politiche giudiziarie del paese. Se così dovesse ritenersi dovremmo però anche ammettere che non può essere data per consolidata la cultura della giurisdizione, e che anzi essa oggi sembra registrare una forte divisione e un rischioso regresso. Come in fondo dimostra, in termini patologici, la più recente vicenda: magistrati privi di scrupoli che si incontrano con politici indagati per discutere delle nomine degli uffici direttivi. Affari privati in scelte pubbliche. C’è ancora una lunga battaglia da fare dentro la magistratura per affermare una cultura della giurisdizione attenta ai principi della nostra costituzione. E non è solo un fatto di nomine.

QUEL CHE A ME PARE È CHE OGGI, più di ieri, anche tra i magistrati si registra quella stessa divisione che attraversa il paese. Da un lato una rabbia crescente che induce a negare i diritti degli altri, dall’altro una richiesta di tornare alla costituzione ai suoi ideali di solidarietà e tutela dei diritti fondamentali delle persone, senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali. Per questo oggi avremmo bisogno di una nuova e combattiva Magistratura democratica, a nulla invece ci servirebbe un associazionismo amorfo.

Pubblicato da il manifesto del 21 giugno 2019

21 giugno 2019
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.