27 gennaio, Giornata internazionale della Memoria

Md, il ricordo del passato per capire il presente

Come ogni anno, da quando fu indetta dall’Assemblea Generale dell’Onu il 1° novembre del 2005, si tiene il 27 gennaio la giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’Olocausto

Come ogni anno, da quando fu indetta dall’Assemblea Generale dell’Onu il 1° novembre del 2005, si tiene il 27 gennaio la giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’Olocausto. 

Un’occasione importante per riflettere sulla peggiore pagina del novecento europeo, sul più grande genocidio dell’umanità. La ricorrenza non è affatto rituale, vista la crescita di movimenti e partiti apertamente neonazisti e neofascisti, razzisti e xenofobi in tutta Europa, che cercano collegamenti e intese tra loro, da cui non è certo esente il nostro paese. Il furto delle “pietre di inciampo” a Roma poste in memoria degli ebrei deportati è solo una delle più gravi e odiose manifestazione di antisemitismo che si sono manifestate. 

L’anno scorso abbiamo ricordato l’80° anniversario dell’approvazione delle leggi razziali fasciste. Ma il risveglio e la mobilitazione di tante coscienze, come la partecipazione attiva dei giovani, non sono riusciti ancora a eliminare quei veleni denunciati dal bellissimo discorso della senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di concentramento nazisti. La senatrice non ha solo voluto lasciarci una indispensabile testimonianza, ma ha saputo legare il ricordo di quel doloroso passato  alle terribili ingiustizie del presente. “Anch’io sono stata clandestina” ci ha detto. Eppure continuiamo a registrare l’assenza di umanità persino da parte di chi rappresenta le istituzioni di una Repubblica nata dalla lotta al nazifascismo. Le cronache che quasi quotidianamente ci parlano di morti in mare, ormai diventate migliaia, di respingimenti verso paesi nei quali i diritti umani sono calpestati sistematicamente in strutture concentrazionarie che ci ricordano i terribili lager nazisti, di sgomberi di centri per l’accoglienza, di immigrati gettati così su una strada, di violente interruzioni dei processi di integrazione, ci fanno capire che bisogna continuare a ricordare per evitare il ritorno del passato in qualunque forma si presenti.

Come scriveva Primo Levi, al termine della sua celebre trilogia di Auschwitz: “E’ avvenuto, quindi può accadere di nuovo: questo è il nocciolo di quanto abbiamo da dire”.

26 gennaio 2019
Ultimi articoli
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore
Indagini e stampa

Calabria «smontata» dal processo mediatico

di Emilio Sirianni
Prudenza istituzionale e rispetto delle persone coinvolte, inclusi gli indagati, impongono sobrietà e cautela nelle dichiarazioni rese dai magistrati alla stampa
Genova, 34° Congresso Anm

“La nuova sfida di fedeltà alla Costituzione”

di Mariarosaria Guglielmi
Incondizionata fedeltà alla Carta fondamentale, rinnovata consapevolezza del ruolo costituzionale della giurisdizione e piena responsabilità professionale e culturale: queste le grandi sfide democratiche, che coinvolgono il futuro dell’Europa e dello Stato di diritto, sulle quali la Magistratura è chiamata ad impegnarsi collettivamente