27 gennaio, Giornata internazionale della Memoria

Md, il ricordo del passato per capire il presente

Come ogni anno, da quando fu indetta dall’Assemblea Generale dell’Onu il 1° novembre del 2005, si tiene il 27 gennaio la giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’Olocausto

Come ogni anno, da quando fu indetta dall’Assemblea Generale dell’Onu il 1° novembre del 2005, si tiene il 27 gennaio la giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’Olocausto. 

Un’occasione importante per riflettere sulla peggiore pagina del novecento europeo, sul più grande genocidio dell’umanità. La ricorrenza non è affatto rituale, vista la crescita di movimenti e partiti apertamente neonazisti e neofascisti, razzisti e xenofobi in tutta Europa, che cercano collegamenti e intese tra loro, da cui non è certo esente il nostro paese. Il furto delle “pietre di inciampo” a Roma poste in memoria degli ebrei deportati è solo una delle più gravi e odiose manifestazione di antisemitismo che si sono manifestate. 

L’anno scorso abbiamo ricordato l’80° anniversario dell’approvazione delle leggi razziali fasciste. Ma il risveglio e la mobilitazione di tante coscienze, come la partecipazione attiva dei giovani, non sono riusciti ancora a eliminare quei veleni denunciati dal bellissimo discorso della senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di concentramento nazisti. La senatrice non ha solo voluto lasciarci una indispensabile testimonianza, ma ha saputo legare il ricordo di quel doloroso passato  alle terribili ingiustizie del presente. “Anch’io sono stata clandestina” ci ha detto. Eppure continuiamo a registrare l’assenza di umanità persino da parte di chi rappresenta le istituzioni di una Repubblica nata dalla lotta al nazifascismo. Le cronache che quasi quotidianamente ci parlano di morti in mare, ormai diventate migliaia, di respingimenti verso paesi nei quali i diritti umani sono calpestati sistematicamente in strutture concentrazionarie che ci ricordano i terribili lager nazisti, di sgomberi di centri per l’accoglienza, di immigrati gettati così su una strada, di violente interruzioni dei processi di integrazione, ci fanno capire che bisogna continuare a ricordare per evitare il ritorno del passato in qualunque forma si presenti.

Come scriveva Primo Levi, al termine della sua celebre trilogia di Auschwitz: “E’ avvenuto, quindi può accadere di nuovo: questo è il nocciolo di quanto abbiamo da dire”.

26 gennaio 2019
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.