Mot, se ne parla a Vibo Valentia il 15 ottobre

Il programma delll'incontro organizzato da Md

VIBO VALENTIA - Di seguito il programma dell'Incontro, organizzato da Md, sulle problematiche relative ai magistrati ordinari in tirocinio ed all’esercizio delle funzioni giurisdizionali nella sede di prima destinazione, che si terrà il 15 ottobre 2011.


IL PROGRAMMA:


Sessione mattutina


Ore 9.15  Saluti e presentazione del segretario di Magistratura democratica dott. Piergiorgio Morosini.

Coordina la dott.ssa Ezia Maccora, giudice del Tribunale di Bergamo, già componente del CSM


Ore 9.30  Il sistema tabellare e l’assegnazione dei magistrati nell’ufficio di destinazione al termine del tirocinio.
Relatori: dott. Francesco Vigorito, componente del CSM, e dott. Marco Dall’Olio, magistrato segretario del CSM presso la VII commissione.
                                                              

                                                                             -------------------

Ore 10.45  L’inserimento del magistrato al termine del tirocinio nell’organizzazione dell’ufficio di destinazione.
Relatori: dott. Roberto Lucisano, presidente del Tribunale di Vibo Valentia, e dott. Luca Minniti, giudice del Tribunale di Firenze.


                                                                              ----------------

Ore 11.45  Dibattito con eventuali interventi programmati.


Sessione pomeridiana


Coordina il dott. Bruno Giangiacomo, responsabile del gruppo ordinamento giudiziario di MD, già componente dell’Ufficio studi del CSM

Ore 15    La formazione dei magistrati in tirocinio e nell’ufficio di prima destinazione.
Relatori: dott. Franco Cassano, componente del CSM, e dott. Ilio Mannucci Pacini, giudice del Tribunale di Milano, già componente del Comitato Scientifico del CSM.

-------------------------


Ore 16    La valutazione di professionalità dei magistrati in tirocinio e al termine del primo quadriennio.
Relatori: dott.ssa Matilde Brancaccio, magistrato segretario del CSM presso la IV commissione, e dott. Vincenzo Galati, Consigliere della Corte d’Appello di Catanzaro e componente del Consiglio giudiziario.

-----------------------------

Ore 17  Dibattito con eventuali interventi programmati.

Chiusura dei lavori del presidente di Magistratura Democratica, dott. Luigi Marini.


6 luglio 2011
Ultimi articoli
In ricordo.

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia.

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti