Onu

Assistenza alle persone di Palestina

Leggi il testo della risoluzione

di LUIGI MARINI

Ancora una volta la EU si è fatta promotrice di una risoluzione che supporta gli interventi di assistenza al popolo palestinese. 

Non si tratta di una risoluzione concentrata soltanto sugli aspetti umanitari e logistici, ma ribadisce l`urgenza di assicurare alla persone di Palestina le libertà fondamentali, a partire da quelle di spostamento sul territorio e di accesso a fonti di reddito.

E` stato l`Ambasciatore italiano, Sebastiano Cardi (foto), a illustrare il 19 Dicembre 2014 in Assemblea generale il senso e i contenuti della risoluzione.In allegato è disponibile il testo inviato in Assemblea dalla Seconda Commissione e poi approvato senza voto, in quanto quello ufficiale non è ancora disponibile.

Come si comprende dal testo, la risoluzione ha, purtroppo, molti precedenti e quanto sta accadendo lascia prevedere che nei prossimi anni l`Assemblea dovrà occuparsi del medesimo problema in termini molto simili.

(9/01/2015)
9 gennaio 2015
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore