Proposte - Giustizia

I nodi da superare

di Luigi Marini

ROMA, 29 gennaio - La crisi economica mette in luce tutte le difficoltà e le criticità di un Paese che non ha mai brillato per buona amministrazione delle risorse pubbliche e che ha male investito i propri fondi fino a raggiungere un debito insostenibile senza dotarsi delle strutture, dei servizi e delle professionalità che sarebbe stato possibile creare e formare. 

La crisi economica, che è crisi di ceto dirigente e produttivo prima ancora che finanziaria, evoca la necessità di dare tutela a coloro che stanno perdendo o non hanno mai avuto pari dignità e pari opportunità, e non solo la necessità di risposte giudiziarie che accompagnino la ripresa economica e il sostegno a chi produce. I due versanti non possono procedere disgiunti, perché solo la garanzia dei diritti e della dignità delle persone può assicurare un sistema complessivamente equilibrato e una "ripresa" del Paese che non si misuri esclusivamente in quantità di moneta circolante, di consumi e di esportazioni.

Perché questo avvenga,  occorre procedere a interventi positivi e rimuovere ostacoli al pieno dispiegarsi delle potenzialità che il sistema giustizia possiede e non riesce ad esprimere, in parte per limiti propri e in parte per carenze di sistema. Nel corso delle cerimonie di inaugurazione dell'anno giudiziario sono stati indicati percorsi importanti per dare più efficienza, credibilità ed efficacia alla giurisdizione. Ma restano nodi inespressi che hanno, invece, grande rilievo per la qualità della giustizia e i bisogni del Paese e delle singole persone. 

Non possiamo allora passare sotto silenzio la necessità di superare una visione politica che accresce le diseguaglianze, impoverisce  i diritti personali e sociali, accentua il ricorso alla giustizia come ultima difesa di beni che dovrebbero trovare sostegno nelle politiche pubbliche prima che nella aule dei tribunali civili e penali.

Allo stesso modo va ripensato un  sistema di regole, di autorità e di controlli pubblici che non riesce a intercettare gli abusi finanziari e amministrativi le cui conseguenze ricadono innanzitutto su risparmiatori, utenti e lavoratori. Da tempo molti commentatori evidenziano come l'attuale sistema penale concorra a rendere i processi lunghi, favorisca la prescrizione di reati gravi ma puniti con pene modeste e, in fondo, operi a due velocità penalizzando i soggetti meno garantiti.

La risposta a queste criticità dei settori civili e penali può venire solo dal superamento definitivo di una politica sulla giustizia costruita su singoli interventi in assenza di un disegno complessivo che si articoli su priorità, su risparmi oculati e su investimenti lungimiranti.

Diventa allora indispensabile porre rimedio tempestivo alla scopertura così elevata degli organici dei magistrati, che penalizza il funzionamento degli uffici, frustra molti degli sforzi di miglioramento e rischia di rendere in parte inutile la revisione delle circoscrizioni. Senza dimenticare che l'ormai più che decennale blocco totale delle assunzioni del personale amministrativo e tecnico del settore giustizia si dimostra incompatibile con le esigenze minime di funzionalità e con la necessaria innovazione tecnologica che richiede l'immissione di professionalità adeguate. E, più in generale, dobbiamo evidenziare i rischi che deriverebbero dall'assenza di risorse necessarie per rendere operative le  innovazioni introdotte in tema di processo civile telematico, di notificazioni, di programmi organizzativi.

Molto la magistratura può fare  in un contesto positivo, assumendosi responsabilità chiare per i miglioramenti che le competono, a partire dal sistema di nomina dei capi ufficio, troppo spesso condizionato da logiche estranee alla selezione e alla valutazione su base di attitudini e qualità.

Infine, e soprattutto, soprattutto non possiamo permetterci una ritorno al clima di diffidenza e di avversione verso i controlli di legalità e la magistratura che una parte dei rappresentanti politici periodicamente contribuisce a creare,  con effetti disastrosi per la collettività.

LUIGI MARINI presidente di Magistratura Democratica

29 gennaio 2013
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.