Razzismo

Fatti di Torino e Firenze

"Preoccupante clima di intolleranza"

ROMA - Magistratura democratica esprime una forte preoccupazione per il clima di intolleranza e razzismo manifestatosi da ultimo con il raid al campo Rom di Torino e la sparatoria di Firenze contro i senegalesi. I due episodi segnalano l’accentuazione dell’insofferenza di una parte della popolazione nei confronti degli extracomunitari, vissuti come invasori e usurpatori soprattutto dalle classi più povere, anche a causa della crisi economica e dell’atteggiamento di forze politiche che hanno fomentato i più bassi istinti della popolazione.

Da tempo, i flussi migratori vengono vissuti solo alla stregua di una questione di ordine pubblico. Lo straniero è trattato alla stregua di un “nemico da combattere”, come dimostra l’introduzione, nel 2009, del reato di immigrazione clandestina che punisce non fatti specifici ma una condizione umana (uno status).

La recente legislazione, peraltro, rende più difficile la regolarizzazione ed agevola il passaggio alla clandestinità anche dei migranti regolari. La previsione del c.d. permesso a punti degrada il diritto dello straniero a permanere nel territorio dello Stato in forza di un permesso di soggiorno a semplice concessione revocabile in base a criteri discrezionali, facendo precipitare anche il migrante regolare, oltre al clandestino, ad un grado di precarietà e di ricattabilità mai raggiunti prima.

D’altra parte l’assenza di una legislazione efficace contro il razzismo e la xenofobia non aiuta a migliorare il clima. Certe scelte, nel determinare l’evidente peggioramento della vita dello straniero in Italia, rischiano di deteriorare il tessuto democratico di un Paese la cui Carta Costituzionale si fonda sui valori della uguaglianza e della tutela della dignità di ogni persona, sia o meno cittadino italiano.

In un clima politico che sembra smussare i contrasti tra le forze parlamentari, Magistratura democratica auspica un ripensamento della legislazione vigente e interventi del Governo non solo in materia economica ma anche sul piano del riconoscimento di una tutela giuridica a soggetti che ne sono quasi del tutto privi.

Piergiorgio Morosini

Luigi Marini

15 dicembre 2011
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore