Shoah

Mostre e dibattiti

La giornata della memoria all'Onu

Attorno alla Giornata della memoria fioriscono presso le Nazioni Unite molte iniziative che ricordano la Shoa: dibattiti, mostre, riunioni di lavoro.
 
Mostre
Nello stesso padiglione dove da novembre a inizi gennaio è stata ospitata una mostra fotografica sulla storia della Palestina degli ultimi decenni (The Long Journey - v. foto), si apre adesso una mostra dal titolo "Shoa: how it was humanly possible ?" 

Da La giornata della memoria all'Onu

Poco distante una seconda mostra e` stata inaugurata due giorni fa col titolo "Forbidden Art" e raccoglie (v. foto) disegni, statue e altri oggetti creati da coloro che erano rinchiusi nei campi di concentramento.

Da La giornata della memoria all'Onu

Se facciamo un percorso a ritroso e guardiamo alle tre mostre con occhio di osservatore esterno, è impressionante il legame che tiene assieme i fatti di sette anni fa con quello che succede ancora oggi in Palestina/Israele, e purtroppo altrove.

Tra i tanti dibattiti di questi giorni e dei prossimi, merita una segnalazione quello organizzato il 21 Gennaio dalla Missione polacca con il titolo "Perché abbiamo fallito nel prevenire i genocidi e come cambiare le cose?". Ha fatto effetto ascoltare l`uno dopo l`altro gli interventi degli ambasciatori alle UN di (nell'ordine) Polonia, Usa, Russia, Inghilterra, Francia, Rwanda, Israele, Germania, intervallati dagli interventi del Vice Segretaro Generale Eliasson, dai direttori del Museo di Auschwitz-Birkenau e del Museo Nazionale Polacco, il direttore di Human Rights Watch e il Consigliere speciale sul genocidio del Segretario Generale.

Da La giornata della memoria all'Onu

Particolarmente significativo l`abbraccio fra l`Ambasciatore del Rwanda e il direttore del Museo di Auschwitz-Birkenau.

Ma, al di là  dei profili più emozionali, è stato rcordato un po` da tutti come gli strumenti legislativi internazionali contro il genocidio e i crimini connessi già esistano e siano sulla carta efficaci. Con la conseguenza che quanto accaduto in Rwanda e nella ex Jugoslavia e quanto ancora accade sono da imputarsi alla "mancanza di volonta` politica" di cogliere per tempo i segnali e di intervenire per prevenire deportazioni e uccisioni di massa.

Non sempre è così (v. intervento che ha salvato decine di migliaia di Yatzidi) e talvolta nel pieno delle crisi non sono mancati singoli individui capaci di farsi carico dei bisogni e dei rischi altrui e di salvare coraggiosamente centinaia o migliaia di vite.

Si colloca qui, sul piano della effettività degli strumenti esistenti, la proposta (demagogica ma intelligente) dei francesi di modificare le regole del CDS e di escludere il diritto di veto per i fatti di genocidio, i crimini di guerra e i crimini contro l`umanità.

(27 gennaio 2015)

27 gennaio 2015
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore