Verso elezioni

Assemblea Area Lazio

I candidati e il programma

ROMA - Si é svolta ieri pomeriggio l'Assemblea di Area nel Lazio. Nell'incontro é stato illustrato e discusso (IL DOCUMENTO) elaborato per gli uffici giudiziari del distretto (in allegato) e sono stati presentati i candidati Cecilia Pratesi, Valerio Savio e Nicola Di Grazia, indicati dalle due segreterie, per le elezioni del CDC che si svolgeranno dal 12 al 14 febbraio prossimi.

Possiamo essere molto soddisfatti della partecipazione dei colleghi, presenti circa in 50. Certamente l'attrattiva principale era rappresentata dall'aperitivo e dal carattere, anche conviviale, della riunione.

E' un dato, però, che si sono viste molte facce nuove. Vogliamo cogliere, in questo, il segno del lavoro che le due segreterie stanno svolgendo, con il metodo del coinvolgimento dei colleghi dal basso e con l'approccio alle condizioni negli uffici che non tralasci l'attenzione ai valori della nostra comune cultura.

In sintesi:

a) stiamo cercando di trovare nuove forme di comunicazione e incontro, che superino alcuni tradizionali rituali (ecco perché l'Assemblea in una libreria, anziché nelle solite tetre aule di PIazzale Clodio);

b) stiamo cercando di dare ad Area contenuti che guardino, sì, all'organizzazione, ma non come strumento per l'efficienza in sé, bensì quale mecccanismo di una migliore tutela dei diritti, soprattutto dei più deboli;

c) stiamo tentando di allargare la partecipazione ai molti colleghi i quali, magari, non sarebbero disposti ad indossare una casacca (così vivrebbero l'iscrizione o la militanza nei singoli gruppi), ma che hanno sensibilità e valori vicini o uguali ai nostri. Se, infatti, non li intercettiamo noi, finiranno inesorabilmente nelle mani di tutti coloro che propugnano un'idea di associazionismo meramente "sindacale" o, peggio, clientelare.

E' vero, come é stato ricordato in Assemblea, che le elezioni del 12, 13 e 14 febbraio saranno nazionali e che, quindi, il programma dovrà essere unico per tutti i distretti.

Non di meno, se é vero che Area deve costruire una partecipazione dal basso e partire dal coinvolgimento dei "territori", il documento elaborato, con l'aiuto di molti, dalle segreterie e dai candidati, é il punto di partenza di un'elaborazione che proseguirà e sarà sempre offerta alla dirigenza nazionale, con la consapevolezza che questa sarà attenta alle indicazioni delle sezioni.

Le prossime iniziative già programmate, alle quali si sta lavorando, sono:

a) 24 gennaio, ore 15,30. Assemblea con i colleghi del circondario di Frosinone, con la partecipazione di componenti del Consiglio Giudiziario, esponenti del foro e della stampa locali. L'iniziativa si muoverà nella prospettiva di ascoltare, più che di pontificare. Possibile cena a seguire.

b) 2 febbraio 2011; seminario al tribunale di Roma sui temi di attualita del diritto del lavoro, in relazione ai quali, maggirmente, occorre sollecitare strumenti organizzativi e opzioni interpretative adeguati alla tutela dei diritti delle parti, soprattutto deboli.

Inoltriamo, infine, i saluti di Luigi, il quale non ha partecipato all'Assemblea perché impegnato in udienza.

Tiziana Coccoluto

Antonella Diflorio

Glauco Zaccardi


 

21 dicembre 2011
Ultimi articoli
Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo