XX Congresso

L'intervento di Andrea Zanello

Nel rivolgere questo indirizzo di saluto ed il sincero ringraziamento per l’invito a partecipare ai lavori del Congresso di Magistratura Democratica, l’Associazione Nazionale Forense, che da lungo tempo e per la sua storia ha rappresentato e rappresenta a tutt’oggi una importante componente dell’associazionismo forense, apprezza la non casuale coinci­denza dei temi posti all’ordine del giorno del Vostro Congresso con quelli che saranno dibattuti nel prossimo mese di maggio nel nostro VII Congresso Nazionale, che si terrà a Bergamo. 

Al tema dell’Europa “come motore dei diritti” corrisponde la nostra necessità di con­frontarci sulla internazionalizzazione della professione e di allargare il nostro oriz­zonte operativo quantomeno all’ambito continentale.

L’interrogativo “A che serve la giurisdizione?” è stato oggetto di una recente iniziativa precongressuale dal titolo “Quale effettivo stato di diritto”, in occasione della quale ci siamo interrogati sul rapporto diritti/ interessi, tra strumenti di tutela in sede giudiziaria, prassi vir­tuose, procedure alternative di risoluzione delle controversie ed organizzazione manageriale e tecnologica degli uffici. 

E questo tema ha portato con sé quello della ricerca della risposta, anche in termini or­ganizzativi e di efficienza del servizio, che la classe forense è chiamata a dare alle nuove do­mande del “mercato”; laddove il termine “mercato” non ci spaventa perché, se da un lato ab­biamo ben chiaro il valore sommo del “bene” che trattiamo e cioè i diritti del cittadino, dall’altro sen­tiamo la necessità di una visione moderna ed al passo con i tempi del “servizio” che offriamo.

Aggiungo solo che, fermi restando il ruolo costituzionale della funzione della difesa e la estrema delicatezza e particolarità del nostro lavoro e della materia che trattiamo, riteniamo più di altri che vi sia la necessità di confrontarsi laicamente e con onesta franchezza con con­cetti quali “concorrenza”, “impresa”, “organizzazione”, “efficienza”, “liberalizzazioni”.

 Infine, la domanda che vi ponete “A che serve l’associazionismo giudiziario?” ci vede coinvolti, per la parte che ci compete, in quanto libera associazione, di carattere spiccatamente “sindacale”, da sempre alle prese con la gestione del non facile rapporto con  l’agire spesso “politico” delle c.d. rappresentanze istituzionali (in primis quelle ordinistiche), alle quali cia­scuno di noi è legato da un vincolo obbligatorio di iscrizione (per motivi ordinamentali ed ammini­strativi), ma non già di libera e volontaria scelta.

Siamo qui, pertanto, soprattutto per ascoltare con estremo interesse quanto emergerà su que­sti temi di strettissima attualità “dall’altro punto di vista” e cioè da una componente che si pone su un piano oggettivamente dialettico rispetto al nostro e con la quale occorre necessa­riamente confrontarsi; oltreché – ovviamente – per formularVi il più sincero augurio di buon lavoro.

 

Reggio Calabria, 27 marzo 2015.


Avv. Andrea ZANELLO 
                                                                                  
31 marzo 2015
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore