XX Congresso

L'intervento di Andrea Zanello

Nel rivolgere questo indirizzo di saluto ed il sincero ringraziamento per l’invito a partecipare ai lavori del Congresso di Magistratura Democratica, l’Associazione Nazionale Forense, che da lungo tempo e per la sua storia ha rappresentato e rappresenta a tutt’oggi una importante componente dell’associazionismo forense, apprezza la non casuale coinci­denza dei temi posti all’ordine del giorno del Vostro Congresso con quelli che saranno dibattuti nel prossimo mese di maggio nel nostro VII Congresso Nazionale, che si terrà a Bergamo. 

Al tema dell’Europa “come motore dei diritti” corrisponde la nostra necessità di con­frontarci sulla internazionalizzazione della professione e di allargare il nostro oriz­zonte operativo quantomeno all’ambito continentale.

L’interrogativo “A che serve la giurisdizione?” è stato oggetto di una recente iniziativa precongressuale dal titolo “Quale effettivo stato di diritto”, in occasione della quale ci siamo interrogati sul rapporto diritti/ interessi, tra strumenti di tutela in sede giudiziaria, prassi vir­tuose, procedure alternative di risoluzione delle controversie ed organizzazione manageriale e tecnologica degli uffici. 

E questo tema ha portato con sé quello della ricerca della risposta, anche in termini or­ganizzativi e di efficienza del servizio, che la classe forense è chiamata a dare alle nuove do­mande del “mercato”; laddove il termine “mercato” non ci spaventa perché, se da un lato ab­biamo ben chiaro il valore sommo del “bene” che trattiamo e cioè i diritti del cittadino, dall’altro sen­tiamo la necessità di una visione moderna ed al passo con i tempi del “servizio” che offriamo.

Aggiungo solo che, fermi restando il ruolo costituzionale della funzione della difesa e la estrema delicatezza e particolarità del nostro lavoro e della materia che trattiamo, riteniamo più di altri che vi sia la necessità di confrontarsi laicamente e con onesta franchezza con con­cetti quali “concorrenza”, “impresa”, “organizzazione”, “efficienza”, “liberalizzazioni”.

 Infine, la domanda che vi ponete “A che serve l’associazionismo giudiziario?” ci vede coinvolti, per la parte che ci compete, in quanto libera associazione, di carattere spiccatamente “sindacale”, da sempre alle prese con la gestione del non facile rapporto con  l’agire spesso “politico” delle c.d. rappresentanze istituzionali (in primis quelle ordinistiche), alle quali cia­scuno di noi è legato da un vincolo obbligatorio di iscrizione (per motivi ordinamentali ed ammini­strativi), ma non già di libera e volontaria scelta.

Siamo qui, pertanto, soprattutto per ascoltare con estremo interesse quanto emergerà su que­sti temi di strettissima attualità “dall’altro punto di vista” e cioè da una componente che si pone su un piano oggettivamente dialettico rispetto al nostro e con la quale occorre necessa­riamente confrontarsi; oltreché – ovviamente – per formularVi il più sincero augurio di buon lavoro.

 

Reggio Calabria, 27 marzo 2015.


Avv. Andrea ZANELLO 
                                                                                  
31 marzo 2015
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.