XX Congresso Md

L'intervento di Daniela Galazzi

Magistratura democratica è la nostra casa.

È una casa che abbiamo costruito mattone su mattone, con amore, dedizione, impegno.

L'abbiamo abitata e riempita delle nostre cose, delle nostre idee e delle nostre passioni.

Come ogni casa ha avuto bisogno di aggiustamenti, è cambiata negli anni, ha avuto bisogno di essere rimodernata.

Ma non è stata stravolta, non ha perso l'impronta che la caratterizza.

É stata ampliata, abbattendo il muro divisorio con la casa vicina. I lavori di armonizzazione sono ancora in corso ed MD é fondamentale per il loro completamento.

Sarà l'assemblea di giugno a definire con sarà organizzata AREA, in una assemblea che dovrà stabilire regole chiare e democratiche per l'elezione dei suoi organi. Non é questo il luogo ove definire le regole più minute (ad esempio, come e d chi sarà formato il coordinamento, argomento che é divenuto, perdonatemi la franchezza, stucchevole).

Oggi si parla di MD.

Di una MD di cui, secondo alcuni, andava decretata la fine, e che, invece oggi qui vede il suo rilancio. 

Non occorre nuovamente ripercorrere i motivi che rendono MD oggi più che mai fondamentale quale soggetto collettivo che apporta un contributo forte ed al momento non sostituibile né  sostituito nell'elaborazione in tema di diritti, di garanzie, un soggetto che ha continuato e continuerà a dare voce alle istanze di giustizia e di uguaglianza fondamento della nostra Costituzione.

Nulla da aggiungere sul punto a quanto già altri prima di me, ad iniziare dalla bella e profonda relazione introduttiva del nostro segretario generale Anna Canepa, hanno detto, con chiarezza, qui, in questo congresso.

E dopo quello che abbiamo ascoltato, da Landini, da Camusso, questa consapevolezza non è venuta meno, anzi è stata rafforzata.

Occorre però essere chiari tra di noi.

Questa opera che magistratura democratica intende continuare a portare avanti ha bisogno di tutti, di tutti noi, delle idee di ciascuno di noi, anche e soprattutto delle critiche, ed anche di manodopera, anche quella proprio, come dire, di bassa manovalanza. 

In questi due anni, come esecutivo, abbiamo cercato di fare delle cose, abbiamo anche sbagliato (e il nostro popolo giustamente non ha mancato di sottolinearlo con puntiglio e precisione), qualche cosa di buono l'abbiamo fatto, ma spesso ci siamo trovato soli, è mancato l'apporto costante del gruppo.

Questo allora io oggi chiedo a voi, di impegnarvi nuovamente, di partecipare, partecipare davvero, di criticare, ma costruttivamente, di concedere magari il beneficio del dubbio a chi faticosamente cerca di fare qualcosa di buono e magari sbaglia.

Questo congresso avrebbe dovuto essere un congresso di prepensionamento, è diventato un congresso di rinascita. Facciamo che questa rinascita sia vera, continui al di fuori di queste porte, da qui da oggi in avanti.

Daniela Galazzi
31 marzo 2015
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.