XX Congresso

L'intervento di Elisabetta Chinaglia

Vorrei fare una riflessione partendo dall'esperienza del gruppo ordinamento, che è quello di cui mi sono occupata in questi due anni.

A proposito dell'attività di questo gruppo, e a proposito della proposta "lasciamo l'autogoverno ad Area e occupiamoci dei DIRITTI" voglio ribadire che l'attuazione dei diritti e l'autogoverno non sono affatto questioni distinte. Vogliamo pensare a come può valere la valorizzazione del dirigente che sa far crescere nel suo ufficio l'elaborazione giurisprudenziale ed il confronto? A come si può affrontare il problema delle priorità? A come incidono sull'attuazione dei diritti i criteri di organizzazione delle procure?

Tornando al gruppo ordinamento, il gruppo si occupa di gestire la rete dei contatti tra gli eletti nei consigli giudiziari e di sviluppare momenti di confronto, sia attraverso mailing list dedicata sia attraverso incontri. Con riferimento agli eletti nei CG nel 2012, rispetto al precedente quadriennio c'è stato un calo sensibile di partecipazione. La gente non scrive sulla mailing list dedicata, fatica a rispondere, ti domandi con che programma politico e andato in consiglio giudiziario e se ci siano momenti di confronto con la componente politica locale.

D'altro canto nelle occasioni in cui si è riusciti ad avere incontri sul territorio, questi incontri si sono rivelate dei momenti di effettivo e costruttivo scambio. A Napoli, a Catania, o negli incontri comuni a Roma, si sono evidenziate delle differenze abissali tra le diverse realtà ma anche una grande voglia di confrontarsi e di arricchirsi,di scambiare idee ed esperienze.

Ed ancora, vi è ora concreta disponibilità da parte degli eletti al CSM ad aprire un vero dialogo con i consiglieri giudiziari e questa e la sola base per costruire un'identità comune sul modo di intendere l'autogoverno e per cercare di dare attuazione al programma di area in modo organico nell'autogoverno locale e centrale. Un esempio di questo è stato il recente incontro del 1 marzo in cui ci si è confrontati, anche con la presenza di rappresentanti della struttura del CSM oltre che del coordinamento, sulle prospettive di riforma del TU sulla dirigenza.

Come sempre, allora, quello che ci serve è incontrarsi, parlare, discutere, comprendere.

Ci stiamo abituando a pensare che i magistrati siano il mondo delle mailing list ma il mondo vero dei magistrati non è quello. C'è molto di peggio ma c'è anche molto di meglio. Ed è questo meglio che dobbiamo sviluppare .

Questo non vale solo per il gruppo ordinamento.

Vale anche per il dibattito sul futuro di MD.

Molti chiedono qual è il futuro di MD e lo hanno chiesto al segretario, che giustamente ha ribaltato su di noi la domanda.

Il futuro di MD lo dobbiamo creare ancora, come sempre per tutte le cose.

Personalmente ho bisogno di un luogo dove discutere, dove riflettere, dove progettare, questo è stato il motivo di essere in MD e questo luogo è ancora MD .

Deve essere un luogo aperto all'esterno, un luogo che ci consenta di realizzare le nostre a ambizioni.

La mia ambizione è avere il riscontro di un lavoro positivo e di raggiungere almeno in parte degli obiettivi.

È terminare ogni processo sapendo che gli utenti hanno avuto la percezione di una corretta applicazione della legge, da parte di un giudice che sa cosa è la realtà.

È vedere un consiglio giudiziario che discute le cose in maniera serena, nell'ottica di aiuto al buon funzionamento degli uffici.

 È riscontrare che i magistrati sono in grado di fare osservazioni a un decreto perché non sono intimiditi dal capo e d'altro canto non abusano di questo strumento per scagliarsi contro un nemico.

 È avviare una discussione su una interpretazione di legge e riscontrare che è possibile convincere l'altro e diffondere modi di riflettere sul senso della giurisdizione..

È proporre l'apertura all'esterno da parte della magistratura, ossia esercitare la giurisdizione nella consapevolezza della complessità della società e quindi della complessità della tutela dei diritti.

È vivere in una sezione in cui hai la certezza che tutti si siano studiati i fascicoli.

È vedere nominato dirigente chi è  in grado di farlo e può essere utile al servizio.

Questo io voglio, e a questo mi serve MD , per lavorare per questo.

Chi continua a chiedere cosa serve ormai MD non capisco perché lo faccia.

Se abbiamo ancora delle idee comuni, dei progetti comuni, delle prospettive, non c'è nemmeno da porsi la domanda.

Serve perché il nostro fine è quello di portare avanti, ed ora in in Area, queste idee e questi progetti . Se non li abbiamo più sciogliamoci pure ma non certo per colpa di Area.

Credo che però dobbiamo porci degli interrogativi, noi che siamo qui e che siamo in MD.

Credo che il metro per capire se abbiamo ancora o no questo fine comune sia la partecipazione. Ai gruppi, ai consigli nazionali, agli incontri, ma anche semplicemente alla discussione in sede locale, tutti i giorni.

Il metro, allora, è anche l'effettiva disponibilità di mettere a disposizione le proprie competenze e la volontà di coinvolgere nuove persone, senza le quali le nostre elaborazioni sono fini a se stesse e fuori dal parametro associativo.

Le nostre competenze, le nostre elaborazioni siamo disposte a cederle a tutti i magistrati dell'ufficio o le riserviamo all'articolo da pubblicare sulla rivista?

La rivista è un grande strumento. Lo vogliamo utilizzare per far uscire nuove persone, per consentire ad altri magistrati di esprimersi e di imparare ad elaborare e diffondere le loro elaborazioni?

Siamo disposti a metterci a parlare con i colleghi di sezione o non abbiamo tempo perché dobbiamo scrivere un libro?

Siamo disposti a riflettere sul sistema di nomina dei direttivi in ottica di funzionamento generale o ce ne occupiamo solo quando stiamo pensando alla nostra carriera?

Anche la rete dei consigli giudiziari è un grande strumento. La vogliamo utilizzare per diffondere un modo di fare autogoverno secondo i principi che abbiamo scritto nel nostro programma elettorale? Vogliamo impegnarci nel candidare nei cg e nelle giunte locali persone che abbiano contezza di essere eletti in vista di un programma e con quello si confrontino?

Abbiamo ancora voglia di impegnarci nella formazione dei MOT per far crescere dei magistrati che riflettano e considerino come prima cosa la persona che hanno davanti?

Abbiamo interesse ad impegnarci nella formazione decentrata per introdurre nel percorso di formazione il concetto di apertura alla società civile?

Abbiamo ancora voglia di impegnarci in queste cose, in attività concrete, di contatto con i colleghi, oppure ognuno lavora in vista del proprio percorso personale?

Io credo che dobbiamo rispondere seriamente a questi interrogativi, ma credo che siamo ancora in molti disposti a questo.

Ed allora dobbiamo impegnarci ed usare gli strumenti che abbiamo, primo tra tutti la rivitalizzazione dei gruppi e la loro apertura ad altri.


Elisabetta Chinaglia

 

 

31 marzo 2015
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.