Area Csm

Prima gli uffici

PRIMA GLI UFFICI
 
Ieri mattina il plenum del Csm era chiamato a una votazione attesa.
Si decideva quale risoluzione adottare (tra le due elaborate dalla V Commissione) in merito alle legge 114/2014 e, nello specifico, ai concorsi precedenti al 24.6.2014 e non ancora decisi.
 
L’orientamento del gruppo di Area è noto e si rispecchiava nella proposta di maggioranza: applicare la normativa transitoria a tutte le procedure pendenti (tre anni con termine finale 70 anni o il 31.12.2015), secondo un’interpretazione che privilegiasse la funzionalità e l’interesse collettivo degli uffici, rispetto alle pur legittime aspirazioni personali dei candidati.
 
Il risultato della votazione:
- proposta B - 14 voti
(consiglieri di MI, Unicost, Capi di Corte,  Leone, Zanettin, Balducci)
- proposta A - 9 voti
(Area, Casellati, Fanfani)
Astenuto : Balduzzi

Nel dibattito (in cui per il nostro gruppo sono intervenuti Napoleone, Aschettino, Fracassi e Morosini), abbiamo ribadito l’importanza di privilegiare un approccio generale, che vincolasse tutte le procedure, per evitare che decisioni “caso per caso” lasciassero spazio a eccessive discrezionalità.
 
La nomina di un dirigente è un investimento. Per questo gli va garantita, prima di tutto, la possibilità di fare programmi e di dare un contributo organizzativo che non possa limitarsi a pochi mesi.
 
Ne restiamo profondamente convinti, anche se il voto di oggi ci ha visto in minoranza e riteniamo che l’esito non abbia in alcun modo ridimensionato la validità della nostra posizione.
 
Non solo, infatti, rifiutando proposte di accomodamento, abbiamo affermato il principio che riteniamo fondamentale.Ma, l'andamento del dibattito (che si è protratto fino al primo pomeriggio), ci ha consentito anche di evidenziare che la scelta interpretativa, secondo noi tecnicamente preferibile, rispondeva alle nostre opzioni culturali di fondo.

In poche parole: la priorità è l’interesse dell’ufficio e non la carriera.

Altro aspetto da non tralasciare: la nostra soluzione offriva un criterio oggettivo e trasparente. Mentre la proposta approvata rinvia alla fase del merito la valutazione “caso per caso” di quanto tempo occorra per ritenere adeguato il periodo di permanenza di un dirigente.

Il "caso per caso" è tristemente famoso nella gestione delle nomine.

Vigileremo su quanto le proclamazioni di principio di chi ha ritenuto preferibile questa modalità, corrisponderanno ai fatti e ci impegneremo comunque a dare concretezza ai nostri valori di riferimento.
 
I componenti di Area al CSM
Ercole Aprile
Antonello Ardituro
Lucio Aschettino
Nicola Clivio
Valerio Fracassi
Piergiorgio Morosini
Fabio Napoleone

(6 novembre 2014)

6 novembre 2014
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore