Canepa: "Sdegno profondo per attacchi

ma non commentiamo dichiarazioni di un condannato"

Ancora una volta MD è stata l’oggetto di attacchi ignobili e violenti. Inqualificabili. Come già nel passato questi attacchi ignorano la nostra storia, le ragioni del nostro esistere, il ruolo essenziale svolto per la giurisdizione e per l’uguaglianza dei cittadini.

Lo sdegno è profondo, ma  non vogliamo alimentare sterili polemiche commentando le dichiarazioni di un condannato.

Riteniamo ancora una volta che la risposta migliore sia nella nostra storia e nell’impegno quotidiano per la giurisdizione.


Anna Canepa

segretario generale Magistratura democratica

(28 novembre 2013)
28 novembre 2013
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore