Comunicato

L'autogoverno che vogliamo

"No a logiche di appartenenza"

Le mail che Paolo Carfì, Franco Cassano e Francesco Vigorito hanno diffuso spiegano l’evoluzione dei fatti di cui si è parlato molto in questi giorni e consentono una prima ragionata riflessione.

Prendiamo atto che si ribadisce il rifiuto di un certo modello di autogoverno ispirato non alla valutazione dei profili professionali e personali dei candidati, ma all’appartenenza ovvero a rapporti personali.  

Al di là delle prese di posizione dei consiglieri, quanto è accaduto deve comunque costituire l'occasione per una verifica dei principi e delle prassi dell’autogoverno.

La sfiducia diffusa nei confronti dei meccanismi di funzionamento deve trovare una risposta all’altezza dei compiti che la Costituzione affida all’organo di autogoverno e ai bisogni della giurisdizione. Occorre perseguire percorsi di selezione trasparenti che emarginino tutte le forme improprie di condizionamento.

Per questo chiediamo ai magistrati che operano nell’autogoverno, locale e centrale, di assumere come priorità una chiara scelta in favore della trasparenza e del rifiuto di ogni logica di appartenenza e di evitare che le loro valutazioni siano e appaiano condizionate dall’esterno. Allo stesso tempo chiediamo a tutti i magistrati che si riconoscono in Area di incarnare nella quotidianità dei loro comportamenti quel patrimonio di valori e di esperienze su cui fondiamo la nostra idea di autogoverno; e, dunque, di sottoporsi alle valutazioni che li riguardano attendendo con serenità le decisioni istituzionali ed affidandosi al rispetto delle regole, senza ricercare scorciatoie collegate all'appartenenza o ai rapporti di natura personale.

A differenza di altri contestatori delle appartenenze altrui, non intendiamo difendere in nessun caso chi pratica metodi di valutazione che non si basano sulle qualità personali e professionali dei candidati. E abbiamo il dovere di discutere di tutto questo anche in modo pubblico, come stiamo facendo senza ipocrisie, convinti che la dialettica trasparente sia utile al miglioramento di tutti.

La prima assemblea nazionale di Area del 30 novembre-1dicembre sarà un'occasione per confrontarci e riflettere insieme sul tema non solo per ribadire i principi ma per elaborare anche concrete modalità di controllo e verifica delle prassi.

A tutti, i rappresentati e i rappresentanti di Area, chiediamo con forza di rendere riconoscibili questi valori, perché è soltanto su queste basi che intendiamo, insieme, costruire Area".

 

Il Segretario del  movimento per la giustizia –art.3

L’esecutivo di MD

(27 novembre 2012)

27 novembre 2012
Ultimi articoli
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)
Rassegna

Osservatorio giustizia

Conversazione con Mariarosaria Guglielmi, segretaria di Magistratura democratica (Radio Radicale)
Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione
Carceri

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
Domina la cifra giustizialista della maggioranza. Eliminate le norme sulle misure alternative al carcere e per l'integrazione dei detenuti stranieri (Il Manifesto)