Comunicato stampa Morosini su applausi Thyssen

di Piergiorgio Morosini
"Applausi sconcertanti, morire di lavoro è tragica realtà"

ROMA - "Morire di lavoro"  in Italia continua ad essere una tragica realtà che deve, in ogni sede e in ogni momento, sollecitare il senso di responsabilità di tutti i protagonisti del mondo lavorativo: imprenditori, lavoratori, organizzazioni sindacali, organi di vigilanza e magistratura. Sono sconcertanti gli applausi rivolti all'amministratore delegato della Thyssen condannato in primo grado per omicidio doloso in occasione del meeting della Confindustria.

Certe manifestazioni costituiscono un dato allarmante e non tollerabile in una società che riconosca nel lavoro il fondamento dello Stato e l'espressione della libertà e dignità delle persone. Dimostrano lo scarso rispetto per l'operato della magistratura, peraltro con il rischio di assimilazione alla campagna anti-toghe orchestrata ad arte da alcune componenti politiche. E provano la ridotta sensibilità verso l'impianto normativo in difesa della vita e della dignità dei lavoratori, nonostante i dati Inail, solo nel 2010, registrino inItalia 980 morti sul lavoro, oltre le invisibili morti bianche.

La lettura di questioni complesse, come quelle affrontate dalla sentenza torinese, solo in termini di colpo alla libertà di impresa e alla possibilità di investimenti futuri da parte di capitali stranieri in Italia rappresenta una forte regressione culturale nel modo di concepire le relazioni industriali. Si è persa una occasione per interrogarsi sul modo di coniugare oggi sviluppo d'impresa, innovazioni tecnologiche, sicurezza e dignità sui luoghi di lavoro, in un momento in cui per tante persone il rischio di disoccupazione non lascia alternative e viene sostanzialmente espropriato il diritto di discutere all'interno dell'azienda se ci siano strade meno rischiose per la salute del singolo.


Piergiorgio Morosini, Segretario Generale di Magistratura Democratica

30 maggio 2011
Ultimi articoli
Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione
Commenti

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
L'analisi. I contenuti del decreto legislativo in tema di ordinamento penitenziario approvato dal Consiglio dei Ministri il 2 agosto (Il Manifesto)
L’intervento

La magistratura torni all’impegno comune sui diritti e sulle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Corriere della Sera, 31 luglio 2018
Nave Diciotti

Riccardo De Vito: «Ministro dell’Interno distante dai principi della Costituzione»

Per il presidente di Md, ancora una volta la vicenda dei migranti strumentalizzata per fini politici
Giustizia

Md: il ministro prenda distanze da dichiarazioni sottosegretario Morrone

Associazionismo dei magistrati e cultura giurisdizione siano sempre baluardo dei diritti fondamentali
Elezioni Csm

Sanlorenzo: «L’attacco del ministro ai magistrati va oltre ogni diritto di critica»

Intervista a Rita Sanlorenzo, candidata di Area contro Piercamillo Davigo alle elezioni del Csm. Un esponente delle istituzioni trasforma una questione privata come capo-partito in una questione istituzionale. Il Csm intervenga con una pratica a tutela dei colleghi (Il Manifesto)