Comunicato stampa Morosini su applausi Thyssen

di Piergiorgio Morosini
"Applausi sconcertanti, morire di lavoro è tragica realtà"

ROMA - "Morire di lavoro"  in Italia continua ad essere una tragica realtà che deve, in ogni sede e in ogni momento, sollecitare il senso di responsabilità di tutti i protagonisti del mondo lavorativo: imprenditori, lavoratori, organizzazioni sindacali, organi di vigilanza e magistratura. Sono sconcertanti gli applausi rivolti all'amministratore delegato della Thyssen condannato in primo grado per omicidio doloso in occasione del meeting della Confindustria.

Certe manifestazioni costituiscono un dato allarmante e non tollerabile in una società che riconosca nel lavoro il fondamento dello Stato e l'espressione della libertà e dignità delle persone. Dimostrano lo scarso rispetto per l'operato della magistratura, peraltro con il rischio di assimilazione alla campagna anti-toghe orchestrata ad arte da alcune componenti politiche. E provano la ridotta sensibilità verso l'impianto normativo in difesa della vita e della dignità dei lavoratori, nonostante i dati Inail, solo nel 2010, registrino inItalia 980 morti sul lavoro, oltre le invisibili morti bianche.

La lettura di questioni complesse, come quelle affrontate dalla sentenza torinese, solo in termini di colpo alla libertà di impresa e alla possibilità di investimenti futuri da parte di capitali stranieri in Italia rappresenta una forte regressione culturale nel modo di concepire le relazioni industriali. Si è persa una occasione per interrogarsi sul modo di coniugare oggi sviluppo d'impresa, innovazioni tecnologiche, sicurezza e dignità sui luoghi di lavoro, in un momento in cui per tante persone il rischio di disoccupazione non lascia alternative e viene sostanzialmente espropriato il diritto di discutere all'interno dell'azienda se ci siano strade meno rischiose per la salute del singolo.


Piergiorgio Morosini, Segretario Generale di Magistratura Democratica

30 maggio 2011
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore