Comunicato Stampa sul D.D.L. Gasparri-QuagliarIello

di Piergiorgio Morosini
"Ennesimo tentativo di intimidire magistratura"

ROMA - "Facciamo appello alle coscienze critiche del circuito forense e del mondo accademico per denunciare le derive autoritarie di certe iniziative politiche. Il d.d.l. Gasparri-Quagliariello è l’ennesimo tentativo di delegittimare e intimidire la magistratura. Svela una matrice culturale che mira a distruggere gli equilibri istituzionali previsti dalla Costituzione, questa volta colpendo la manifestazione del pensiero del massimo organo di autogoverno dei magistrati.

Oggi le cosiddette “pratiche a tutela” permettono al CSM di difendere la serenità dei magistrati in funzione della credibilità del servizio giustizia. Serenità che si pone a garanzia di tutti, in particolare delle persone più deboli. La “sostanziale” cancellazione delle “pratiche a tutela” espone il pubblico ministero e il giudice agli attacchi ingiustificati o addirittura strumentali di chiunque sia destinatario di decisioni non gradite. E’ una misura che, nel favorire le ormai quotidiane condotte “intimidatorie” nei confronti dei magistrati, esprime la medesima filosofia di fondo del progetto di modifica della responsabilità civile.

E’ irresponsabile, inoltre, la previsione che vieta al CSM di fornire pareri su leggi che riguardano la giustizia, fatta salva l’esplicita richiesta del Ministro. In nome della sistematica demonizzazione del dissenso rispetto alle scelte della maggioranza politica, si rinuncia alla leale cooperazione tra istituzioni in vista di una maggiore funzionalità del servizio giustizia".


Pierluigi Morosini (segretario di Magistratura Democratica)

1 maggio 2011
Ultimi articoli
In ricordo.

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia.

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti