Comunicato Stampa sul D.D.L. Gasparri-QuagliarIello

di Piergiorgio Morosini
"Ennesimo tentativo di intimidire magistratura"

ROMA - "Facciamo appello alle coscienze critiche del circuito forense e del mondo accademico per denunciare le derive autoritarie di certe iniziative politiche. Il d.d.l. Gasparri-Quagliariello è l’ennesimo tentativo di delegittimare e intimidire la magistratura. Svela una matrice culturale che mira a distruggere gli equilibri istituzionali previsti dalla Costituzione, questa volta colpendo la manifestazione del pensiero del massimo organo di autogoverno dei magistrati.

Oggi le cosiddette “pratiche a tutela” permettono al CSM di difendere la serenità dei magistrati in funzione della credibilità del servizio giustizia. Serenità che si pone a garanzia di tutti, in particolare delle persone più deboli. La “sostanziale” cancellazione delle “pratiche a tutela” espone il pubblico ministero e il giudice agli attacchi ingiustificati o addirittura strumentali di chiunque sia destinatario di decisioni non gradite. E’ una misura che, nel favorire le ormai quotidiane condotte “intimidatorie” nei confronti dei magistrati, esprime la medesima filosofia di fondo del progetto di modifica della responsabilità civile.

E’ irresponsabile, inoltre, la previsione che vieta al CSM di fornire pareri su leggi che riguardano la giustizia, fatta salva l’esplicita richiesta del Ministro. In nome della sistematica demonizzazione del dissenso rispetto alle scelte della maggioranza politica, si rinuncia alla leale cooperazione tra istituzioni in vista di una maggiore funzionalità del servizio giustizia".


Pierluigi Morosini (segretario di Magistratura Democratica)

1 maggio 2011
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore