Comunicato

Voto Csm non è ipoteca su future decisioni della Cassazione

ROMA - Alcuni commenti politici o giornalistici sulle vicende di ieri in materia di giustizia hanno messo sullo stesso piano le nomine delle Presidenze di Commissioni parlamentari e la votazione del Csm che ha designato il dr. Giorgio Santacroce alla Presidenza della Corte di cassazione.  
 
Si tratta di fuorvianti semplificazioni, che, senza tener conto delle specifiche professionalità e qualità  dei candidati e del contenuto delle  proposte approdate in Plenum, finiscono per appiattire le scelte del Csm su logiche proprie della politica dei partiti, rivelando l’incapacità di cogliere la specificità del pluralismo dei giudici, che costituisce la ricchezza della giurisdizione, e la strutturale complessità di amministrazione della giurisdizione da parte del Csm.
 
Va, poi, respinta come inaccettabile e offensiva per tutta la  Corte e suoi singoli componenti, a partire dal Primo Presidente, la rappresentazione delle votazioni di Palazzo dei Marescialli come un’ipoteca sull'esito delle future decisioni della Cassazione.
 
Senza nascondere i rischi e le difficoltà della stagione che vivono le istituzioni e il Paese, i magistrati di merito e quelli di legittimità sapranno tenere fermi e far vivere nella realtà quotidiana la separazione dei poteri e l'indipendente esercizio della giurisdizione, nel pieno rispetto della pari dignità di tutte le funzioni giudiziarie e del principio di uguaglianza dei cittadini.

Anna Canepa segretario generale Magistratura democratica

Luigi Marini   presidente Magistratura democratica

(9 maggio 2013)

9 maggio 2013
Ultimi articoli
Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo