Dichiarazione dell’Esecutivo nazionale

Né Rosso né bigio ma giusto

È gravissimo che su quotidiani on line, incredibilmente ripresi da testate nazionali, sia stato pubblicato (con nomi cognomi e qualifiche professionali) un elenco di oltre 6.000 magistrati che prestano servizio presso gli uffici giudiziari italiani i quali sarebbero, incredibilmente, tutti iscritti a Magistratura Democratica

Sempre più di frequente, provvedimenti resi da magistrati italiani nell’esercizio autonomo del potere giurisdizionale sono soggetti a critiche che non riguardano (come sarebbe possibile ed, anzi, doveroso) il contenuto tecnico giuridico di quei provvedimenti, ma ne sostengono, apoditticamente, la natura politica. Come spesso è avvenuto anche in passato, per sostenere questa tesi si afferma che i magistrati che li hanno adottati sarebbero iscritti a Magistratura Democratica.

A chi fa queste affermazioni non importa che siano vere, esse muovono infatti dalla premessa che Magistratura Democratica avrebbe tra i propri obiettivi quello di fare uso della giurisdizione a fini politici. Respingiamo con sdegno questa accusa, che riteniamo infamante per il gruppo e per coloro che vi sono iscritti. Magistratura Democratica promuove ed apprezza ogni interpretazione delle leggi che tenga conto della gerarchia di valori espressa dalla Carta Costituzionale e sia conforme ai principi in essa contenuti. Di conseguenza presta ossequio al principio della separazione tra i poteri dello Stato, che sono tenuti al reciproco rispetto. Rivendica il pieno diritto dei magistrati, sia come singoli che come gruppi associati, di esprimere le proprie opinioni, qualificate dalla conoscenza del diritto e dalla professionalità acquisita, fermo restando il doveroso riserbo imposto a ciascuno con riguardo a procedimenti in corso dei quali sia investito nell’esercizio delle proprie funzioni. Sostenere che un magistrato, iscritto o non iscritto a Magistratura Democratica, ha adottato un provvedimento per perseguire finalità diverse da quelle proprie dell’esercizio della giurisdizione è accusa grave e infamante che non può, dunque, essere tollerata.

È gravissimo che su quotidiani on line, incredibilmente ripresi da testate nazionali, sia stato pubblicato (con nomi cognomi e qualifiche professionali) un elenco di oltre 6.000 magistrati che prestano servizio presso gli uffici giudiziari italiani i quali sarebbero, incredibilmente, tutti iscritti a Magistratura Democratica. Un elenco che è stato ottenuto in palese violazione delle norme in materia di privacy, la cui pubblicazione ha una chiara valenza intimidatoria nei confronti della magistratura tutta e che assomiglia tristemente ad una “lista di proscrizione”.

Torna alla mente, ancora una volta, la celebre frase pronunciata da Piero Calamandrei riguardo ad Aurelio Sansoni, magistrato in Toscana durante il ventennio fascista, il primo giudice ad essere definito con disprezzo “rosso” (quindi politicizzato, fazioso, non legittimato): “Non era in realtà né rosso né bigio“  scrisse Calamandrei - “era semplicemente un giudice giusto: per questo lo chiamavano “rosso”, perché sempre, tra le tante sofferenze che attendono il giudice giusto, v’è anche quella di sentirsi accusare, quando non è disposto a seguire una fazione, di essere al servizio della fazione contraria”.

2 febbraio 2019
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019