Convegno

Salvare e rilanciare l’accoglienza in Italia dopo il D.L. 113/2018

Firenze, 29 marzo 2019 - ore 15
Palazzo di Giustizia - Aula 30
 
 
Presiede
Emilio Sirianni
Presidente sezione lavoro – Corte d’Appello di Catanzaro
 
Coordina
Chiara Favilli
Università di Firenze
 
 
Ore 14.30
Registrazione dei partecipanti

Ore 15.00
Apertura dei lavori e introduzione
 

Interventi

Anna Brambilla
Avvocato foro di Milano
L’accesso al territorio e al sistema d’asilo: un’accoglienza selettiva?
 
Daniela Di Capua
Direttore servizio centrale
Lo SPRAR alla luce della Legge n. 132/2018
 
Oliviero Forti
Responsabile Politiche Migratorie e Protezione Internazionale, Caritas italiana
Il ruolo suppletivo delle associazioni a seguito dell’abrogazione del permesso di soggiorno per motivi umanitari
 
Paola Miraglia
Responsabile associazione culturale del Bangladesh
Limiti e potenzialità nell’accoglienza in un CAS
 
Paolo Fasano
Dirigente servizio stranieri Comune di Ravenna
È possibile progettare una politica di accoglienza a livello locale?
 
Annalisa Camilli
Giornalista Internazionale
La transizione verso il “nuovo” sistema d’accoglienza
 
Vittorio Bugli
Assessore alle politiche sociali della Regione Toscana
Esiste ancora un modello toscano di accoglienza?
 
Conclude
Luciana Breggia
Presidente sezione immigrazione, Tribunale di Firenze

Informazioni generali

 

Sede del Corso

Aula n. 30 Nuovo Palazzo di Giustizia in Viale A. Guidoni, 61 – Firenze.

 

Modalità di iscrizione

La partecipazione è gratuita. Per iscriversi scrivere a: accoglienza29marzo@gmail.com entro il 28 marzo 2019. Per gli avvocati verranno accettate esclusivamente le richieste ricevute telematicamente attraverso l’area riservata Sfera alla quale si potrà accedere dal link presente sulla pagina dell’evento pubblicato sul sito www.fondazioneforensefirenze.it.

Termine cancellazioni

Si invita a dare notizia di eventuali disdette della partecipazione (attraverso l’area Sfera) entro le ore 19.00 del giorno precedente all’incontro (oltre tale termine è ammessa la comuniazione a mezzo mail all’indirizzo della segreteria organizzativa) per consentire l’ammissione dei colleghi esclusi segnalando che a mancata partecipazione, per 2 volte nel semestre solare e senza che sia stata effettuata la cancellazione, consegue l’impossibilità di iscriversi ad eventi Formativi gratuiti per i 6 mesi successivi dall’ultimo degli eventi disertati.

Attestato di frequenza

Non è previsto il rilascio di alcun attestato posto che potranno verificare la propria situazione crediti aggiornata direttamente dal proprio profilo Sfera.

Crediti formativi

Ai sensi dell’art. 20, comma 2, lettera a) del vigente Regolamento per la formazione continua approvato dal CNF il 16/07/2014 e modificato con delibera del 30/07/2015, per la partecipazione all’evento è stata proposta l’attribuzione di n. 4 crediti formativi in materia non obbligatoria.

L’evento è in corso di accreditamento e quindi la concessione dei crediti è subordinata alla delibera della Commissione Consiliare competente.

Si ricorda che ai sensi dell’art. 20, comma 5 dello stesso regolamento, per la partecipazione agli eventi della durata di una  mezza giornata i crediti formativi verranno riconosciuti solo qualora risulti documentata la partecipzione dell’iscritto all’intero evento.

Modalità di accreditamento

Ricordiamo inoltre che non sarà più possibile l'accreditamento per tutti coloro sprovvisti del tesserino contactless.

 

9 marzo 2019
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.