Scandaloso paragonare casi Narducci-Miller

"Non si capisce iniziativa su collega Napoli"

ROMA - L’avvio della istruttoria disciplinare presso l’ANM nei confronti dei magistrati Arcibaldo Miller e Giuseppe Narducci è una decisione autonoma del collegio dei probiviri, che eventualmente sarà oggetto di valutazione da parte del Comitato direttivo centrale dell’ANM.

Allo stato appare scandalosa la modalità con quale i mezzi di informazione hanno diffuso questa notizia, ponendo sullo stesso piano condotte e situazioni assolutamente non comparabili.

Al di là dei profili disciplinari per l’ANM, accomunare le due posizioni significa spostare l’attenzione dal vero problema che sta vivendo la magistratura italiana di questi tempi, ossia la presenza al vertice dell’Ispettorato di un magistrato costretto ad astenersi in numerose attività rilevanti e delicate.

Inoltre, sappiamo che il Comitato direttivo centrale sin dal luglio del 2010 aveva sollecitato l’intervento del collegio dei probiviri al fine di valutare la eventuale rilevanza disciplinare dei comportamenti dei colleghi coinvolti nella vicenda giudiziaria denominata "P3".

Allo stato, viceversa, non si comprende quale sia stata la genesi della iniziativa nei confronti del collega Giuseppe Narducci. Sarebbe importante conoscerla anche ai fini della individuazione della responsabilità di quella azione.

Piergiorgio Morosini (Segretario Generale di Magistratura Democratica)  

15 ottobre 2011
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019