Giudici e politica

Sull’intervista di Antonello Racanelli

Nell’intervista al segretario di Magistratura Indipendente la prospettiva fuorviante dell’apoliticità, coniugata a una sostanziale omogeneità alle posizioni della maggioranza di governo

Il segretario di Magistratura indipendente, Antonello Racanelli, trova «inopportuno» che Magistratura democratica intervenga su «tematiche squisitamente politiche» come l’immigrazione e la legittima difesa.

Per celebrare il revival dell’illusoria e fuorviante “apoliticità” della magistratura, sceglie le colonne del giornale La Verità, quotidiano stabilmente schierato su posizioni politiche filo-governative e nel quale la vicenda migratoria è trattata nell’ambito di una rubrica dal titolo Cronache dell’invasione, con inviti a «rinchiudere o spedire in un’isola chi è in attesa di espulsione».

Lo stesso Racanelli non perde l’occasione per manifestare apprezzamenti per la proposta di abrogazione dell’abuso di ufficio (nonostante gli accordi internazionali sul tema che vincolano il nostro Paese a mantenere e rafforzare i controlli sui reati spia della corruzione), sicché nella sua ottica sarebbe neutrale esprimersi a tutela dei diritti forti e politico a favore di quelli deboli.

Non occorre avere poi grande memoria per ricordare come, nelle vicende connesse al caso Peveri, il segretario di Magistratura indipendente avesse sentito la necessità di difendere le parole del Ministro dell’interno fuori dal carcere di Piacenza e si fosse dissociato dalla seria difesa delle prerogative costituzionali della magistratura operata dall’allora Presidente dell’Anm, Francesco Minisci.

Temiamo, dunque, che al «leader dei magistrati moderati» – così presentato dal quotidiano – più che la scelta di intervenire, non piaccia il contenuto degli interventi di Magistratura democratica. Non vorremmo assistere all’ennesimo déjà vu della predicata apoliticità sposata a una sostanziale omogeneità alle posizioni della maggioranza di Governo e a un modello di magistrato mansueto e ancillare. Insomma, si può fare politica, ma a patto che coincida con le posizioni dell’Esecutivo.

In uno scontro generato a freddo con Magistratura democratica, inoltre, il segretario di Magistratura indipendente, peraltro procuratore aggiunto di Roma, come ricorda lo stesso giornale, invece di lasciare la questione alle riflessioni e al confronto dei consiglieri, entra a gamba tesa nella vicenda della nomina del procuratore di Roma, dimenticando che le valutazioni enunciate riguardano la scelta, da parte del Csm, del suo futuro dirigente.

Per quanto ci riguarda, comunque, se fare politica significa partecipare al dibattito sui diritti, ci assumiamo il compito di farla.

Perché si può e si deve essere neutrali e indipendenti rispetto alle parti, siano forti o deboli, famose o sconosciute, ma non si può che essere fedeli «all’indirizzo politico fondamentale della Costituzione», come la magistratura associata ha compreso fin dal 1965 e dalla relazione di Giuseppe Maranini al Congresso di Gardone.

Sempre meglio ricordarlo.

27 maggio 2019
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore