Convegno nazionale

Il contrasto alla criminalità organizzata tra esigenze di sicurezza e garanzia dei diritti




Il contrasto alla criminalità organizzata tra esigenze di sicurezza e garanzia dei diritti

10 giugno 2017 – ore 9.15 / 18.00
Palazzo Foti
Sala Francesco Perri
Reggio Calabria – Piazza Italia

La criminalità organizzata, come tutti i fenomeni umani, si evolve, muta, si adatta, reagisce alle azioni, in termini repressivi e preventivi, poste in essere, ormai da un trentennio, dalle istituzioni dello Stato e dai suoi apparati.

In parallelo, una volta che la consapevolezza della estensione e della gravità del fenomeno mafioso è divenuta patrimonio comune dell’intero Paese, la letteratura e le scienze sociali promuovono analisi aggiornate sulle forme di manifestazione dei clan sul piano economico-finanziario e politico-istituzionale e si interrogano sulla loro capacità di incidere sul tessuto connettivo del sistema democratico.

Come stanno mutando, nella giurisprudenza, gli equilibri tra garantismo liberale e funzionalità repressiva del diritto penale? Fino a che punto ed in che modo l’attività interpretativa è condizionata dalla pervasività del dominio di ‘ndrine e cosche? Come si atteggia, all’interno di un processo segnato da tempi sovente dilatati, il rapporto tra la risposta cautelare e l’accertamento definitivo?

Quali sono le conseguenze, anche in punto di coerenza complessiva del sistema, di una legislazione sempre più costruita intorno al cd. doppio binario? Quali i problemi applicativi più acuti sul piano penal-sostanziale, processuale, penitenziario? Quali le soluzioni più appropriate in chiave di organizzazione degli uffici giudiziari?

In che misura il dibattito politico-parlamentare e gli indirizzi applicativi si sottraggono agli influssi di opportunismi e demagogie?

Esiste, tra magistratura, avvocatura, mondo accademico e politica, una condivisione culturale e una consapevolezza della posta realmente in gioco?

Per discutere di questi interrogativi, Magistratura democratica promuove una giornata di riflessione, mettendo a confronto profili professionali e sensibilità differenti.

La playlist con tutti i video-interventi

***

Ore 9.15 Saluti

Giuseppe Falcomatà
, avvocato, sindaco della Città metropolitana di Reggio Calabria

Filippo Aragona,
giudice del Tribunale di Reggio Calabria, segretario della Sezione di Magistratura democratica di Reggio Calabria

Carlo Morace,
rappresentante dell’Organismo congressuale forense e Vicepresidente dell’Ordine degli avvocati di Reggio Calabria

Giuseppe Soluri,
presidente ordine dei giornalisti della Calabria

Ore 9.40 Introduzione ai lavori

Mariarosaria Guglielmi,
sostituto procuratore della Repubblica, Tribunale di Roma, segretario generale di Magistratura democratica

Ore 10.00 – Il contrasto al crimine organizzato e i paradigmi del garantismo penale

Massimo Donini,
ordinario di diritto penale, Università di Modena e Reggio Emilia

Ore 10.35 – Garanzie individuali e processi di criminalità organizzata: le letture della Corte di cassazione

Piero Gaeta,
sostituto procuratore generale della Repubblica presso la Corte di cassazione

Ore 11.10 – Il punto di vista dell’avvocatura

Valerio Spigarelli,
avvocato del Foro di Roma

Ore 11.45 – Poteri criminali e giurisdizione rieducativa

Marcello Bortolato,
presidente del Tribunale di sorveglianza di Firenze

Coordina

Roberto Lucisano,
presidente Corte di assise di appello di Reggio Calabria

Ore 12.20 - Dibattito e interventi programmati

Stefano Musolino,
sostituto procuratore della Repubblica, Tribunale di Reggio Calabria

Alfredo Sicuro,
presidente di sezione della Corte di appello di Messina

Ore 13.00 – Sala Boccioni - Colazione di lavoro

Ore 14.30 – IL GIUDICE MINORILE DI FRONTE ALLE FAMIGLIE DI ‘NDRANGHETA



Domenico Santoro (giudice del Tribunale di Reggio Calabria) intervista Roberto Di Bella (presidente del Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria)

Ore 15.00 – Tavola rotonda

LE NUOVE SFIDE DELLO STATO DI DIRITTO AI POTERI CRIMINALI

Moderatore: Piergiorgio Morosini,
componente del Consiglio superiore della magistratura

Con la partecipazione di

Nico D’Ascola,
senatore, avvocato, presidente della Commissione Giustizia del Senato

Luigi Manconi,
professore, senatore, presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato

Roberto Scarpinato,
procuratore generale della Repubblica, Corte di appello di Palermo

Rocco Sciarrone,
ordinario di Sociologia dei processi economici e del lavoro, Università di Torino

Ore 17.00 – Dibattito

Ore 17.30 – Conclusioni

Riccardo De Vito,
magistrato sorveglianza, Tribunale sorveglianza Sassari, presidente di Magistratura democratica

Ore 18.00 - chiusura dei lavori

***

Segreteria organizzativa

Filippo Aragona - filippo.aragona@giustizia.it

Olga Tarzia - olga.tarzia@giustizia.it

SONO STATI DELIBERATI CREDITI FORMATIVI

Per le modalità di accesso ai crediti formativi gli interessati sono pregati di rivolgersi a:

Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Reggio Calabria Ordine dei giornalisti. Consiglio regionale della Calabria

Il seminario è aperto alla partecipazione della cittadinanza

www.magistraturademocratica.it

stampa@magistraturademocratica.it
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.