Convegno

Il procedimento di protezione internazionale, umanitaria, “speciale”

Questioni aperte di natura processuale (e non solo)
 
18 febbraio 2020 - ore 14,30
Corte di cassazione
Aula Giallombardo
 
Saluti introduttivi
Giovanni Mammone
Primo Presidente Cassazione
Giovanni Salvi
Procuratore Generale
 
Coordina i lavori
Carlo de Chiara
Corte di cassazione
 
Oneri di allegazione, credibilità,
dovere di cooperazione istruttoria
 

Il difetto di credibilità intrinseca, da valutarsi alla stregua dei criteri di cui all’art. 3, c.5 d.lgs n. 251 del 2007, sulla vicenda individuale esclude del tutto il dovere di cooperazione istruttoria o per le protezioni meno individualizzanti ove sia riscontrabile l’assolvimento dell’onere allegativo, tale dovere permane?

 
Illustrano le questioni e le soluzioni prospettate in giurisprudenza
Francesco Antonio Genovese
Corte di cassazione
Luca Minniti
Tribunale di Firenze
 
Per l’inquadramento processuale delle questioni
Paolo Comoglio
Università di Genova
 
Il dovere di cooperazione istruttoria
nel procedimento di protezione internazionale
 

Come opera questo dovere officioso nel procedimento, entro che limiti viene alterato il principio dispositivo e come si correla al diritto al contraddittorio; si configura un dovere processuale del giudice di scoprire le fonti informative e a di sottoporle prima al vaglio del contraddittorio?

 
Illustrano le questioni e le soluzioni prospettate in giurisprudenza
Rita Russo
Corte di cassazione
Martina Flamini
Tribunale di Milano
 
Per l’inquadramento processuale delle questioni
Fabrizio Del Rosso
Università di Bari
 
Comparizione delle parti e audizione del ricorrente nel giudizio di merito
 

È configurabile un obbligo processuale sanzionabile di procedere all’audizione personale del richiedente, oltre a quello relativo alla comparizione delle parti?

 
Illustrano le questioni
Guido Federico
Corte di cassazione
Luciana Sangiovanni
Tribunale di Roma
Guido Savio
Foro di Torino
 
Il decreto interministeriale sui paesi di origine sicuri
 

Questioni aperte su: legittimità del decreto, applicabilità ai giudizi in corso, eventuali mutamenti negli oneri allegativi e probatori.

 
Illustrano le questioni
Giovanni Armone
Ufficio del massimario
Chiara Favilli
Università di Firenze
 
Conclusioni
Maria Acierno
Corte di cassazione

Il seminario vuole offrire un primo momento di riflessione e approfondimento sulle questioni maggiormente dibattute nei giudizi di merito e di legittimità, attraverso un metodo che preveda il maggior coinvolgimento possibile nella discussione. A questo primo incontro ne seguiranno altri, relativi a tematiche e problemi controversi che auspichiamo ci siano segnalati dai partecipanti e dagli interessati ai seguenti indirizzi mail:

L’intento è quello di creare un circuito formativo condiviso, segnato da appuntamenti periodici, che accompagni la trattazione di questa rilevante e complessa disciplina giuridica.

Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore