Parole di giustizia 2016

La sicurezza tra paura e diritti
PAROLE DI GIUSTIZIA 2016
(LA SPEZIA 15-16 APRILE)


dalla presentazione della manifestazione

L'uguaglianza delle persone, la tutela dei diritti di tutti, la capacità di sintesi tra culture diverse sono il banco di prova delle democrazie contemporanee. Ciò sta scritto nelle costituzioni del Novecento ma spesso – troppo spesso – resta un obiettivo irrealizzato.

Così la giustizia sembra talvolta ridursi, da orizzonte di vita decorosa e serena per tutti, a insieme di procedure per risolvere controversie e conflitti. È in questo contesto che è nata l'idea di un appuntamento annuale teso a recuperare la consapevolezza del carattere etico e politico oltre (e prima) che tecnico della questione giustizia.

Un appuntamento di giuristi, studiosi, politici, personaggi pubblici di diversa estrazione culturale, finalizzato a mettere in campo, sottoponendole al giudizio dei cittadini, "parole di giustizia". Un appuntamento da collocare a Spezia, la città di Giuseppe Borrè, grande magistrato e giurista, a cui è intitolata l’Associazione che lo promuove. Dopo aver analizzato, nelle prime edizioni, i "nuovi diritti" e i "diritti negati", i modelli di governo della società e di tutela (o mancata tutela) dei diritti fondamentali, l’intreccio tra bene comune e beni comuni, il funzionamento in concreto della democrazia e la questione morale, il futuro dell’Europa, la partecipazione dei cittadini alla vita del Paese e la rappresentanza, “Parole di giustizia” affronta quest’anno il tema del senso di insicurezza dei cittadini e della società, in cui si intrecciano realtà e strumentalizzazioni, paure e diritti.


IL PROGRAMMA

Venerdì 15 Aprile 2016
 

Ore 15.30 Museo Civico “Amedeo Lia”

Presentazione
Diana Brusacà, Andrea Corradino, Massimo Federici, Filippo Paganini, Salvatore Lupinacci

Ore 16.00 Museo Civico “Amedeo Lia”

Paura e ordine nella modernità
Roberto Cornelli
introduce Elena Paciotti


Ore 17.15 Centro Allende

Realtà e fantasmi del terrorismo internazionale
Renzo Guolo
introduce Luca Monteverde


Ore 18.30 Museo Civico “Amedeo Lia”
libri al museo
Aspettando i barbari
ne discutono Alessandro Leogrande
(autore di La frontiera, Feltrinelli, 2015)
e Livio Pepino (autore di Prove di paura. Barbari,
marginali, ribelli, Edizioni Gruppo Abele, 2015)
introduce Anna De Feo

Sabato 16 Aprile 2016

Mattino

ore 9.30 - 13.30 Palazzo di Giustizia
seminario
Sicurezza, intervento giudiziario, diritti
(I) Lo Stato e il nemico: reprimere
(II) Lo Stato e il nemico: riconciliare
introducono e coordinano
Marco Bouchard e Valeria Fazio
interventi programmati
Domenico Ciruzzi
Maria Giuliana Civinini
Riccardo De Vito
Mariarosaria Guglielmi
Cristina Maggia
Letizio Magliaro
Antonio Patrono
Fabio Sommovigo
Enrico Zucca
conclude Claudio Sarzotti


Pomeriggio

ore 15.00 Terrazza Camec
Insicurezza e informazione
Giovanni Maria Bellu ne discute con Paola Barretta
introduce Giovanni Zaccaro

ore 16.15 Centro Allende
Sistema giustizia, disordine, criminalità
ne discutono
Paolo Borgna e Adolfo Ceretti
introduce Antonella Franciosi

ore 17.30 Piazza del Bastione
(in caso di maltempo Museo Civico “Amedeo Lia”)
Quale politica per la sicurezza?
Luigi Ferrarella e Donatella Stasio
intervistano il Ministro della Giustizia
Andrea Orlando
introduce Massimo Federici

13 aprile 2016
Ultimi articoli
Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo