Convegno

Riforma del diritto di famiglia e ddl Pillon. I doveri degli adulti e i diritti dei bambini

Affido condiviso e affido esclusivo: riflessione sui disegni di legge in discussione al Senato
 
Magistratura democratica
Articolo 21 liberi di…
Ordine dei giornalisti del Lazio

 

18 dicembre ore 9.00 - 13.30
Senato della Repubblica
Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro
Piazza Capranica, 72 - Roma

 

Introduce e modera
Luisa Betta Dakli
Giornalista esperta diritti umani, Articolo21

 

Interventi
Valeria Fedeli
senatrice Partito democratico
Mariarosaria Guglielmi
sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma, segretaria generale Magistratura democratica
Paola Spadari
presidente Ordine dei giornalisti del Lazio
Gabriella Luccioli
già presidente di sezione della Corte suprema di cassazione
Grazia Ofelia Cesaro
avvocata, responsabile settore internazionale UNCM Unione nazionale camere minorili
Gloria Soavi
psicologa, presidente CISMAI-Coordinamento italiano dei servizi contro il maltrattamento e l’abuso all'infanzia
Andrea Coffari
avvocato, presidente Movimento per l’infanzia
Francesca Pricoco
giudice, presidente AIMMF-Associazione italiana dei magistrati per i minorenni e per la famiglia
Elisa Chiaretto
avvocata, direttivo AIAF-Associazione italiana degli avvocati per la famiglia e per i minori
Maria Monteleone
magistrato, coordinatore gruppo antiviolenza del Tribunale di Roma
Teresa Manente
avvocata penalista, responsabile ufficio legale Differenza donna
Franca Mangano
presidente, sezione famiglia della Corte d’appello di Roma
Marina Petrolo
avvocata, Presidente I.I.C.L.-Istituto italiano di diritto collaborativo e negoziazione assistita
Rita Della Lena
avvocata e mediatore familiare, Direttivo S.I.Me.F.-Società italiana di mediatori familiari
Silvia Resta
Giornalista, Comitato pari opportunità Ordine del Lazio

 

Il convegno è aperto al pubblico ma è necessario accreditarsi inviando una richiesta con i dati anagrafici a md@magistraturademocratica.it entro il 13 dicembre. Sono previsti crediti formativi per i giornalisti che potranno iscriversi sulla piattaforma SIGef entro il 12 dicembre.

5 dicembre 2018
Ultimi articoli
In ricordo.

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia.

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti