Smetto quando vogliono

Il futuro del diritto del lavoro

SMETTO QUANDO VOGLIONO - Il futuro del diritto del lavoro

Bologna, 20 ottobre 2017
Ore 15.00/19.30
Salaborsa - Auditorium Enzo Biagi
Piazza Nettuno, 3
Ingresso libero


La videoregistrazione della giornata (a cura di Radio Radicale)

Il servizio del Tg3 Rai Emilia-Romagna (dal minuto 08.35)

Il video-racconto della giornata

***

Dialogo a più voci, intervallato da proiezioni di filmati, per riflettere e discutere sul mondo del lavoro di oggi e di domani.

Nel corso degli ultimi anni il lavoro, da strumento di emancipazione e realizzazione di sé, è diventato il paradigma di una società precaria, in cui ogni decisione e progettazione della vita sono sospese in attesa di un futuro destinato a rimanere sempre incerto.

La parabola del diritto del lavoro però non è una casualità, ma discende direttamente dalla concezione, tutta ideologica, per cui è la legge del mercato l’unico motore dell’intero sistema economico, capace di condizionare e determinare ogni scelta di politica del lavoro.

Il predominio dell'economia sul diritto e sui diritti non è l'applicazione di una regola neutrale, come dimostra l’analisi degli effetti sulla società della sua acritica accettazione.

Ad essa è possibile contrapporre un diverso modello di riconquista dei diritti e delle tutele: di questo vogliamo parlare.

Il programma della giornata

Ore 15.00 – Inizio dei lavori

Coordina e presenta i lavori in sala

Jacopo Ricca (giornalista La Repubblica)

Intervento

Matteo Zuppi (Vescovo di Bologna)

Saluti istituzionali

Matteo Lepore (assessore del Comune di Bologna)

Francesco Maria Caruso (presidente del Tribunale di Bologna)

Giovanni Berti Arnoaldi Veli (presidente Consiglio ordine Avvocati Bologna)

Gianfranco Gilardi (presidente Fondazione Carlo Maria Verardi)

Introduzione ai lavori

Riccardo De Vito (presidente di Magistratura democratica)

L’esperienza di un infiltrato nei campi in Agro Pontino

Marco Omizzolo (presidente del Centro studi Tempi Moderni, giornalista e ricercatore)

Il lavoro precario

Sandra Burchi (ricercatrice a contratto, Dipartimento di Scienze sociali - Università di Pisa)

Come gli studenti liceali vedono il loro futuro lavorativo

Proiezione del video fatto dagli studenti del presidio studentesco Mauro Rostagno di Libera Bologna

Sistema economico e diritto del lavoro

Emiliano Brancaccio (professore associato di Politica economica, Università del Sannio)

Guai ai poveri. La faccia triste dell’America

Elisabetta Grande (professore ordinario di Sistemi giuridici comparati, Università del Piemonte Orientale)

Esperienze di lavoro precario

Proiezione del video realizzato dagli studenti universitari di Prendiparte a cura di Roberta Marion e Maria Elena Pallotta

Vincenzo Bavaro (professore associato diritto del lavoro, Università di Bari) intervista Maurizio Landini (Segreteria confederale Cgil)

Proiezione dell’intervista ad Ottavia Piccolo (con alcune scene tratte dal film "7 minuti")

Il reddito di cittadinanza

Federico Martelloni (professore associato, Università di Bologna)

Elena Granaglia (professore ordinario di Scienza delle finanze, Università di Roma 3)

Il diritto del lavoro comparato

Proiezione del video realizzato dai ricercatori della facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bologna Cinzia Carta, Giulio Centamore, Caterina Manolio, Francesco Mercuri ed Ester Villa

Conclusioni

Giulia Marzia Locati (giudice lavoro del Tribunale di Milano, componente dell’Esecutivo nazionale di Md)

Umberto Romagnoli

(professore emerito di diritto del lavoro, Università di Bologna)

Ore 19.30 chiusura dei lavori

***

Crediti formativi

Il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Bologna ha concesso n. 3 crediti formativi

ORGANIZZAZIONE – Sezione Md Emilia Romagna
Carlo Sorgi – carlo.sorgi@giustizia.it - 3402904090
Carla Ponterio – carla.ponterio@giustizia.it
Fernanda Torres – fernanda.torres@alice.it

STAMPA

stampa@magistraturademocratica.it
www.magistraturademocratica.it

Ultimi articoli
Intervento al comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 MAGGIO, GIORNO DI ALLERTA PER L'INDIPENDENZA DELLA GIUSTIZIA

Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda in questi giorni anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto, e condannato a di 10 anni in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede - Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Betta Cesqui
Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone
Coltivazione domestica

Canapa sul balcone: parole nette dalla Cassazione

di Riccardo De Vito
La sentenza delle Sezioni Unite ha le carte in regola per evitare un rigorismo repressivo che, sinora, ha ottenuto soltanto il risultato di allungare la catena dello spaccio. Ma adesso è indispensabile che il legislatore riprenda la parola per ridisegnare la disciplina delle droghe leggere