Convegno

Sorry we missed you

Il lavoro, lo sfruttamento, la legge tra vecchie e nuove subordinazioni
 
Firenze, 27 marzo 2020
ore 14.30 - 19.00
Firenze, Nuovo Palazzo di Giustizia - Aula n. 28
Viale Alessandro Guidoni, 61
ore 14.00 - 14.30
Registrazione partecipanti
ore 14.30
Apertura lavori, saluti e introduzioni
Dott. Elisabetta Tarquini
Segreteria toscana di Magistratura Democratica
 
Vita da precario: la giornata di un rider
Camillo Chiappino
studente universitario e rider
Trasformazioni delle imprese e organizzazione del lavoro: in fuga dal rischio
Prof. Joselle Dagnes
Università di Torino
Tutto questo perché? Gli effetti occupazionali delle riforme del lavoro: dal mito alla realtà dei dati
Prof. Emiliano Brancaccio
Università del Sannio
Le nuove subordinazioni: una riflessione sulla sentenza riders
Prof. Patrizia Tullini
Università di Bologna
Organizzazione di un servizio e potere conformativo: appalto lecito e somministrazione illecita nella giurisprudenza di legittimità
Dott. Rita Sanlorenzo
Procura Generale presso la Corte di cassazione
Lo sfruttamento lavorativo come fattispecie penale
Dott. Chiara Stoppioni
Università di Firenze
Dott. Filippo Focardi
Segreteria Toscana di Magistratura Democratica
ore 18.30
Dibattito
ore 19.00
Chiusura dei lavori
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore