Iscrizione

Possono iscriversi a magistratura democratica tutti i magistrati in servizio (anche appartenenti ad altre magistrature) e a seguito di integrazione dello Statuto (congresso di Roma 24 gennaio 2003) anche i magistrati a riposo.

Responsabili per le iscrizioni a magistratura democratica sono il tesoriere nazionale e il suo delegato Fernanda Torres.

Per iscriversi a Magistratura democratica è necessario compilare in ogni parte il modulo di iscrizione ed inviarlo in originale a Fernanda Torres. L'iscrizione a Magistratura democratica sostiene economicamente la Rivista trimestrale digitale Questione Giustizia e questionegiustizia-online - www.questionegiustizia.it (per informazioni: fernanda.torres@alice.it).

Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)