Mercoledi, 26 aprile 2017
Home
Organi rappresentativi
Eventi
Comunicati
La nostra storia
Link
Contatti

Una finestra
di approfondimento
sul referendum
costituzionale

Il 12 gennaio scorso Magistratura democratica ha aderito al Comitato per il NO nel referendum sulla legge di riforma costituzionale. Una scelta dettata non «da inerzia e conservazione – come si può leggere nel documento di adesione –, ma da volontà di riforme che si collochino nel solco di un rinnovamento reale e democratico delle istituzioni». Del resto la partecipazione al dibattito referendario non è una novità per Md, che già si era impegnata nella campagna del 2006.

All’obiezione che augurarsi la vittoria del No al referendum costituzionale significhi tifare per le dimissioni del Governo ha risposto il presidente di Md, Carlo De Chiara: «Noi siamo indifferenti alle sorti del Governo. Purtroppo è il presidente del Consiglio ad aver posto nei termini “con me o contro di me” il referendum. Ed è stato uno sbaglio perché la Costituzione è ben al di sopra delle vicende politiche contingenti» (intervista a Il Manifesto del 9 maggio 2016).

Avvertiamo l’esigenza di offrire uno spazio di approfondimento sul referendum e sulla legge di riforma che dovrà essere valutata dai cittadini. È lo scopo di questo speciale: un luogo dove raccoglieremo contenuti e voci del dibattito. Lo faremo ovviamente, secondo il punto di vista che abbiamo esplicitato. «La riforma, in sinergia con la legge elettorale ormai nota come “Italicum”, non ammoderna la macchina dello Stato; a nostro avviso ne determina, al contrario, una pericolosa involuzione».

L’idea è quella di raccogliere spunti e segnalazioni anche grazie al contributo dei lettori. Per questo chi avesse contenuti da proporre può scrivere a stampa@magistraturademocratica.it.



Legge Costituzionale «Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione»






Copertina
Fascicolo 2/2016
VERSO IL REFERENDUM COSTITUZIONALE
Forme di governo,
modelli di democrazia

IL CORPO
Anatomia dei diritti

Una riforma che rischia
di riportare indietro
l'orologio della storia

di Roberto Scarpinato
Procuratore generale presso la Corte d'appello di Palermo

Domande e risposte
sul referendum

a cura di Alessandro Pace e Andrea Aurelio Di Todaro

Modifica del bicameralismo
e legge elettorale:
effetti sul rapporto
tra i poteri dello Stato

di Carlo De Chiara
Consigliere della Corte di cassazione, presidente di Md