Martedi, 23 maggio 2017
Home
Organi rappresentativi
Eventi
Comunicati
La nostra storia
Link
Contatti

Un cambiamento
diventato incerto.
Cerchiamo di capire
cosa accade

di Luigi Marini presidente Magistratura democratica

L'intervento sulla geografia giudiziaria è di nuovo nell'occhio del ciclone. A pochi mesi dall'entrata in vigore della riforma si parla di un quasi certo rinvio. È così venuto il momento di provare a capire ciò che accade e di farlo ascoltando i protagonisti di questa riforma


Il Csm ha reso pubblica una articolata e complessa delibera in cui affronta molti degli aspetti tabellari, organizzativi e i senso lato culturali che sono toccati dalla soppressione degli uffici giudiziari e dalla ormai certa operatività della riforma.
Il plenum del Consiglio Superiore ha approvato, il 3 luglio, con 3 astensioni (Nappi, Corder e Racanelli) la circolare sulla riorganizzazione degli uffici in vista della revisione delle circoscrizioni. Pubblichiamo il testo

Il lavoro fatto finora
non può essere vanificato

di Cesare Proto consigliere Corte di Cassazione

I benefici più significativi della riforma sono la possibilità di specializzazione, l'efficienza e il risparmio in termini di costi. Per rimediare ai disagi 'logistici' si possono ridurre i casi in cui è necessario l'accesso fisico al tribunale

 

PISTOIA

Si deve proseguire: anche con una sospensione impossibile tornare indietro

Fabrizio Amato

presidente Tribunale Pistoia

Ministero e CSM ci continuano a sollecitare a fare tutto quanto necessario per raggiungere l'obiettivo nei tempi definiti (oramai meno di tre mesi). Fermarsi ora, da parte dei responsabili degli uffici- oltre che sciocco - a mio avviso è scorretto sotto il profilo istituzionale

SALA CONSILINA

Perché siamo stati accorpati a un ufficio di un'altra regione?

Giuseppe Paladino

avvocato

Non trovo "scandaloso" chiedersi per quale mistero il Tribunale di Sala Consilina, in Campania, appartenente al Distretto di Salerno, sia stato accorpato al Tribunale di Lagonegro, che si trova in Basilicata

CHIAVARI

La riforma non mi piace e non la capisco

Pasquale Grasso

giudice

La revisione delle circoscrizioni non mi piace perché, ammantata dall'obbligo di dare maggiore efficienza al sistema giustizia, persegue in realtà il preponderante obiettivo di un risparmio di spesa per lo Stato. Non so perché possa essere accettata con tale passivo conformismo dalla silenziosa maggioranza dei colleghi

ALBA

Non cavalchiamo demagogie
e particolarismi

Stefano Campanello

avvocato

Un avvocato di un foro piemontese, destinato a essere soppresso, racconta le sue sensazioni: si può evitare di dire che è giusto chiudere, ma solo i tribunali dove lavorano gli altri?

GENOVA

Pronti per partire:
il tempo non si può
più fermare

Claudio Viazzi

Presidente Tribunale di Genova

Il Tribunale di Genova è pronto per rispettare la scadenza del 13 settembre. Solo insipienti e ignoranti sostenitori di localismi e microcorporativismi, esterni ed interni ai nostri uffici, non possono sapere che qualsiasi ddl di proroga confliggerebbe con elementari problemi di art. 81 Cost.

SANT'ANGELO DEI LOMBARDI

Ci siamo sentiti di serie B:
adesso investimenti

Fabrizio Ciccone

Giudice

Era prevedibile la soppressione del nostro Tribunale e condividiamo l'intento della riforma. Abbiamo ritenuto irragionevole però che il Csm, ancora prima dell'individuazione delle sedi, abbia penalizzato i piccoli uffici con la mancata assegnazione di M.O.T.

SANREMO

Se ci sarà la proroga
la riforma non si farà più

Marco Zocco

Sostituto procuratore

Aspettiamo per capire cosa accadrà, ma ne stiamo già parlando al passato. E nel frattempo sono già passati due anni dalla legge delega. E con un rinvio dovremo fare argine al disastro

SANREMO

Senza l'accorpamento
l'estinzione
sarà inevitabile

Roberto Cavallone

Procuratore Capo di Sanremo

La Procura della Repubblica di Sanremo – in mancanza di interventi alternativi – è comunque destinata ad estinguersi per morte naturale poiché le scoperture nell’organico del personale amministrativo sono ormai prossime al 50%. Un'ipotesi di rinvio inoltre avrebbe ricadute economiche e rischi altissimi di prescrizioni di massa

BELLUNO

Accorpamento senza problemi a Belluno

Vincenzo Sgubbi

Tribunale di Belluno

Non si è avvertito alcun disagio nel trasloco grazie al graduale passaggio delle competenze dalla sezione distaccata di Pieve di Cadore alla sede centrale

SANTA MARIA C.V.

Il documento della sottosezione ANM di Santa Maria Capua Vetere

Associazione Nazionale Magistrati

Sottosezione di Santa Maria Capua Vetere

Pubblichiamo il documento di sintesi adottato all’esito della partecipata assemblea della sottosezione di S.Maria C.V. svoltasi in data 16.07.2013 per discutere delle non facili questioni connesse all’imminente entrata in vigore della riforma in tema di riordino della geografia giudiziaria.

CATANIA

L'accorpamento delle sezioni distaccate è un passaggio positivo

Simona Ragazzi

giudice del Tribunale di Catania

A Catania saranno annesse alla sede centrale le sette sezioni del tribunale etneo, le tre di Siracusa, e quelle di Ragusa e Caltagirone: un cambiamento destinato a razionalizzare e a rendere più elastica la distribuzione delle forze lavoro all'interno degli uffici coinvolti

CECINA

Sezioni distaccate di Tribunale: un’esperienza che dobbiamo lasciarci alle spalle

Franco Pastorelli

giudice del Tribunale di Livorno,
sezione distaccata di Cecina

Non si può tornare indietro, pena l’impossibilità di rendere un servizio accettabile. Discutere dell’opportunità di mantenere una più capillare presenza degli uffici sul territorio è un vano esercizio intellettuale, sganciato dalla drammatica realtà quotidiana

NORD EST

Dal Nord Est:
Adelante con judicio

Rosa Ferrarese

avvocato

Situazioni territoriali di alta criticità e poca chiarezza per le piante organiche e l'assegnazione dei MOT: ecco i motivi per cui rinviare

MASSA

Proroga inutile
e disfunzionale
Si manterranno
costi azzerabili

M. Cristina Failla

Presidente del Tribunale di Massa

Ove l’accorpamento delle sezioni distaccate non avvenisse, avremmo perso tempo, risorse, riunioni operative finalizzate all’organizzazione degli uffici, funzionalità e miglior efficienza su cui si confidava

PALERMO

Qui tutti hanno accettato l'accorpamento
Adesso l'ipotesi di rinvio crea malcontento

Daniela Galazzi

Giudice

Nella distretto di Palermo sono state accorpate le tre sedi distaccate (Bagheria, Carini e Partinico), senza voci contrarie. E ci si è organizzati per il trasferimento dei procedimenti pendenti. Adesso il paventato rinvio ha provocato malumore e rischia di creare disservizi