Rapporto Oxfam ed effettività dei diritti

di Riccardo De Vito

Cifre dal rapporto Oxfam gennaio 2018: la ricchezza dei miliardari è cresciuta negli ultimi 12 mesi di 762 miliardi di dollari, pari a 7 volte il fabbisogno necessario per far uscire dalla povertà estrema 789 milioni di persone.

Vite dal rapporto Oxfam gennaio 2018: il quarto uomo più ricco al mondo percepisce 1,3 miliardi di euro di dividendi annui, mentre Anju, che cuce abiti in Bangladesh, lavora 12 ore al giorno, guadagna 900 dollari al mese e non può permettersi di mangiare tutti i giorni. Così Lan, che, benché incinta, lavora in un magazzino di scarpe che non potrà mai comprare al figlio, perché quelle scarpe valgono quanto il suo salario mensile. Dolores, viceversa, lavora in un allevamento di pollame statunitense. Non riesce a stendere i tendini delle mani a causa dello sforzo e deve indossare pannolini perché nel turno non può andare in bagno.

Dire che è a rischio l’uguaglianza tra le persone e i popoli significa dire che è a rischio la democrazia. L’unica risposta è nella battaglia per l’effettività dei diritti.

19 gennaio 2018
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca