Organi rappresentativi

Presidente

Riccardo De Vito

Segretario generale

Mariarosaria Guglielmi

Comitato Esecutivo

È composto dal Segretario generale e da cinque membri, eletti fra i componenti del Consiglio Nazionale ed è presieduto dal Segretario generale.

Il Comitato esecutivo, eletto il 23 marzo 2019, è composto da:

Mariarosaria Guglielmi
Giulia Marzia Locati
Letizio Magliaro
Stefano Musolino
Maria Antonietta Ricci
Simone Spina

Consiglio nazionale

È composto da dodici consiglieri, sei uomini e sei donne, eletti ogni due anni durante il Congresso.

I componenti del Consiglio nazionale eletti dal XXII Congresso nazionale, tenutosi a Roma dal 1º al 3 marzo 2019 (con anteprima a Borgo Hermada il 28 febbraio 2019) sono: Mariarosaria Guglielmi, Riccardo De Vito, Antonella Di Florio, Giulia Marzia Locati, Gualtiero Michelini, Letizio Magliaro, Stefano Musolino, Simone Perelli, Maria Rosa Pipponzi, Simone Spina, Maria Antonietta Ricci, Elisabetta Tarquini.

I Segretari generali e Presidenti di Magistratura democratica

Anno
Segretario generale
Presidente
1964
Federico Governatori
(luglio 1964)
 
1965
Adolfo Beria d’Argentine
Eugenio Zumin
1969
Generoso Petrella
(gennaio 1969)
Eugenio Zumin
(gennaio-marzo 1969)

Lorenzo Scapinelli
(aprile 1969)
1970
Generoso Petrella
Luigi De Marco
1972
Marco Ramat
Luigi De Marco
1977
Salvatore Senese
Giuseppe Borrè
1981
Giovanni Palombarini
Giuseppe Borrè
1986
Franco Ippolito
Giovanni Palombarini
1991
Livio Pepino
Agnello Rossi
1993
Livio Pepino
Gianfranco Gilardi
1996
Vittorio Borraccetti
Gianfranco Gilardi
1998
Vittorio Borraccetti
Livio Pepino
2000
Claudio Castelli
Livio Pepino
2005
Juanito Patrone
Franco Ippolito
2007
Rita Sanlorenzo
Edmondo Bruti Liberati
2010
Piergiorgio Morosini
Luigi Marini
2013
Anna Canepa
Luigi Marini
2015
Anna Canepa
Carlo De Chiara
2016
Mariarosaria Guglielmi
Riccardo De Vito
2019
Mariarosaria Guglielmi
Riccardo De Vito
Ultimi articoli
Intervento al comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 MAGGIO, GIORNO DI ALLERTA PER L'INDIPENDENZA DELLA GIUSTIZIA

Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda in questi giorni anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto, e condannato a di 10 anni in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede - Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Betta Cesqui
Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone
Coltivazione domestica

Canapa sul balcone: parole nette dalla Cassazione

di Riccardo De Vito
La sentenza delle Sezioni Unite ha le carte in regola per evitare un rigorismo repressivo che, sinora, ha ottenuto soltanto il risultato di allungare la catena dello spaccio. Ma adesso è indispensabile che il legislatore riprenda la parola per ridisegnare la disciplina delle droghe leggere